Home Cronaca Ivrea, picchia la compagna e la costringe a dormire su una panchina:...

Ivrea, picchia la compagna e la costringe a dormire su una panchina: arrestato

CONDIVIDI

La donna, che ora è stata affidata ad una struttura protetta, sarebbe stata vittima di violenze e maltrattamenti per mesi.

violenza donna arrestato compagno

Ad allertare i soccorsi sono stati i vicini di casa, che hanno sentito le urla della donna ed hanno scoperto il compagno, visibilmente ubriaco.

Donna picchiata e aggredita dal compagno

Già lo scorso novembre il personale di un centro anti-violenza l’aveva recuperata in strada, mentre dormiva, infreddolita e impaurita, su una panchina in strada.

Quella era solo l’ultima di tante notti trascorse all’addiaccio, per sfuggire alle violenze del suo convivente.

L’ennesima storia di maltrattamenti in famiglia arriva da Ivrea, dove lo scorso giovedì un uomo è stato arrestato.

Due giorni fa, gli agenti sono giunti nell’abitazione della donna dopo una segnalazione da parte dei vicini di casa, che avevano sentito le urla ed il trambusto, come di mobili e oggetti spostati.

Gli agenti, giunti nell’abitazione, hanno trovato l’uomo visibilmente ubriaco e la donna che cercava di fuggire dalle botte.

I poliziotti, che erano già a conoscenza delle vicende pregresse del nucleo familiare, hanno quindi tratto in arresto il convivente ed affidato la vittima delle sue violenze ad una struttura protetta del posto. 

La donna, che aveva una ferita al labbro ed un edema al volto, è stata prima soccorsa dai sanitari del 118.

Agli agenti di polizia ha confermato di subire violenze da mesi e di aver dormito più volte in strada per sfuggire alle botte del suo compagno.

L’omicidio di Clara Ceccarelli

Nella giornata di venerdì è andato in scena l’ennesimo femminicidio.

A morire, colpita da almeno 30 coltellate, Clara Ceccarelli, 69enne di Genova.

Il suo ex compagno, Renato Scapusi, 59 anni, è stato arrestato questa mattina all’alba, mentre cercava di togliersi la vita, gettandosi in un burrone.

I due si erano lasciati da un anno, ma Renato continuava a perseguitare Clara. Le imbrattava le mura del negozio in cui lavorava, la seguiva, la chiamava in continuazione e lei aveva raccontato più volte alle sue amiche di avere paura di quell’uomo.

In un freddo pomeriggio, la paura si è trasformata in realtà e Clara è morta ammazzata per mano del suo ex compagno.

Per approfondire la vicenda di Clara, clicca qui.