Home News Infermiere di Baronissi muore di Covid-19, era stato già contagiato in passato

Infermiere di Baronissi muore di Covid-19, era stato già contagiato in passato

CONDIVIDI

Era della provincia di Salerno, Matteo Bevilacqua, l’uomo un infermiere è deceduto a causa del Coronavirus.

Contagiato per la seconda volta.

Il primo contagio

La prima volta che è stato contagiato dal virus era la primavera del 2020. Il 64enne era residente alla frazione Aiello di Baronissi e in quell’occasione si trattò del primo contagio che avveniva a Baronissi. All’uomo però fu sufficiente restare in isolamento per un mese insieme con la sua compagna, per risultare negativo al tampone successivo.

All’epoca Matteo svolgeva ancora la professione di infermiere, quindi solo un anno prima era riuscito a superare questo spaventoso virus che ha mietuto tante vittime tra gli operatori sanitari.

Purtroppo stavolta il secondo attacco del virus, avvenuto poche settimane fa, a Matteo che da poco era andato in pensione, è stato fatale.

La prima volta l’infermiere di Baronissi era risultato asintomatico, e come riferisce Fanpage, Matteo Bevilacqua prestava il suo servizio da infermiere presso il 118 dell’ospedale Ruggi di Salerno.

Da poco in pensione

Con il nuovo anno a Matteo Bevilacqua era andato in pensione quando all’improvviso solo alcune settimane fa, si sono presentati i sintomi di un secondo contagio.

Per questo motivo per l’ex infermiere era stato disposto il ricovero presso l’ospedale “Giovanni da Procida” di Salerno. Inaspettate sono arrivate delle complicazioni dovute all’aggressività di questa seconda forma di contagio e l’uomo è deceduto.

La comunità di Baronissi è rimasta profondamente toccata dalla morte del suo concittadino, sono stati molti i messaggi di cordoglio che sono arrivati alla famiglia tramite i social network.

Anche il primo cittadino Gianfranco Valiante, nel dare la notizia della morte di Matteo Bevilacqua ha detto:

“Il Coronavirus non ci lascia scampo. È purtroppo deceduto all’Ospedale”.

Il sindaco con tristezza ha sottolineato che si tratta della ‘tredicesima vita spezzata dal covid in città’.

Nel novembre del 2020 la cittadina di Baronissi visse un’altra tragedia legata al Coronavirus, fu sempre un infermiere di 48 anni a morire. In quel caso l’uomo si tolse la vita lanciandosi dal balcone della sua abitazione, una volta scoperto di essere positivo al Sars-Cov-2.