Home Casi Incidente mortale Paternò, “Ho perso il controllo”: il racconto dell’unico sopravvissuto indagato...

Incidente mortale Paternò, “Ho perso il controllo”: il racconto dell’unico sopravvissuto indagato per omicidio

CONDIVIDI

L’incidente mortale di Paternò ha lasciato tutti senza parole e ora emergono le parole dell’unico sopravvissuto, indagato per omicidio stradale

Incidente mortale Paternò
Incidente mortale Paternò

Quattro le persone coinvolte nell’incidente mortale di Paternò e un unico sopravvissuto, ora indagato per omicidio stradale. Ecco le sue parole

La dinamica dell’incidente

Avevano passato una serata in compagnia alla discoteca Banker di Acicastello, per poi decidere di andare a casa tutti insieme sulla Seat di Giuseppe Cusimano.

Ad un certo punto il buio e all’altezza di Piano Tavola si vanno a schiantare contro il guardrail: il colpo brutale ha accartocciato l’auto e la parte dietro si è staccata dal resto del mezzo.

Una volta che i soccorsi e i militari sono sopraggiunti sul luogo hanno trovato una scena inquietante, con tutti i quattro corpi dei deceduti riversi sull’asfalto – dopo essere stati sbalzati fuori dall’auto. Da una prima analisi, sembra che nessuno di loro indossasse la cintura di sicurezza.

I giovani che hanno perso la vita durante quella terribile notte sono Lucrezia Farinato madre di due bambini  – Manuel Petronio di 17 anni che aveva schiesto un passaggio per tornare a casa – Salvatore Moschitta di 20 anni insieme alla sua convivente Erika Bozza di 15 anni.

Le parole dell’unico sopravvissuto

Giuseppe Cusimano era alla guida del mezzo ed è stato portato all’Ospedale di Cannizzaro di Catania non in gravi condizioni, riportante solamente qualche frattura.

Sono stati effettuati gli esami alcolici e tossicologici, per avere un quadro completo della situazione. Le sue parole ai medici sono state poche ma incisive – come si evince dal Corriere:

“non so cosa è successo, ho perso il controllo della macchina”

Una notizia che ha sconvolto le famiglie, gli amici e tutta la comunità che ha perso in un attimo quattro persone giovani.