Home News Nuova Rottamazione: in arrivo lo sconto 4000 euro dal primo luglio?

Nuova Rottamazione: in arrivo lo sconto 4000 euro dal primo luglio?

CONDIVIDI

Incentivi rottamazione auto 2020: dal 1 luglio sconto da 4.000 euro

È stato presentato un emendamento del Pd e di Leu al Decreto Rilancio depositato alla Camera.

Se sarà approvato, la sconto 4000 euro per chi si libera dell’auto vecchia di dieci anni scatterà a partire dal primo luglio e avrà una durata fino alla fine del corrente anno 2020.

L’emendamento prevede un contributo statale di 2.000 euro e di altri 2.000 euro da parte del concessionario, per un totale di 4.000 euro, a chi rottama un veicolo con più di 10 anni di anzianità.

È previsto uno sconto di 2.000 euro per chi non rottama. La condizione per beneficiare dello sconto è che bisogna acquistare un veicolo nuovo Euro 6 con emissioni di C02 superiori a 61g/km.

Lo sconto 4.000 euro per chi si libera della vecchia auto resterà in vigore anche il prossimo anno, fino al 31 dicembre del 2021 con la differenza che lo sconto scende a 2.000 euro.

Nuova Rottamazione, sconto 4000 euro per elettriche e auto usate

L’emendamento al Decreto Rilancio contempla un incentivo per chi acquista auto usate (almeno Euro 5) e contemporaneamente rottama un’auto Euro 0, 1, 2 e 3.

Il correttivo presentato prevede un incremento delle disponibilità del fondo di 200 milioni di euro per l’acquisto di auto elettriche per il 2020 e di 50 milioni per il 2021.

Crisi automotive: un aiuto all’intera filiera

I nuovi incentivi e la misura proposta dal Pd arrivano in un momento di grande crisi del mercato dell’automotive, che viene definita

“una delle principali filiere industriali del Paese”,

come riporta la relazione all’emendamento all’articolo 44 del decreto.

A conferma della crisi della filiera automotive è il calo delle immatricolazioni, che è stato del 50 per cento rispetto all’anno precedente.

Con la previsione dei nuovi incentivi proposti dal Governo Conte, oltre a puntare allo svecchiamento del parco circolante italiano, l’obiettivo è quello di sostenere il comparto automotive provato dalla crisi innescata dall’emergenza Covid-19.