Home Salute & Benessere I 5 cibi afrodisiaci che accendono la passione

I 5 cibi afrodisiaci che accendono la passione

CONDIVIDI

I cibi afrodisiaci funzionano davvero? Ecco alcune pietanze che potrebbero accendere la passione e farvi vivere momenti molto emozionanti con il vostro partner.

Peperoncini

Questa spezia tonificante ha una reputazione esotica e un colore rosso brillante, caratteristiche che la rendono un cibo afrodisiaco naturale e simbolo d’amore.

Ma c’è anche il supporto scientifico. I peperoncini stimolano le endorfine (che conferiscono benessere al cervello), accelerano la frequenza cardiaca e fanno sudare, il che simula tutto ciò che provi quando si è particolarmente eccitati, secondo quanto riferisce la dottoressa Meryl S. Rosofsky al New York Times.

Avocado

Potrebbe essere la sensuale forma a pera o il ricco sapore del frutto che ha dato all’avocado la sua reputazione afrodisiaca fin dai tempi degli Aztechi.

Gli avocado sono ricchi di vitamina E che potrebbe contribuire a mantenere viva la scintilla, poiché aiuta la pelle a mantenere un “aspetto giovanile“.

Cioccolata

Il cioccolato è sensuale, dal suo gusto al suo aroma, ma il cioccolato fondente ha anche dimostrato di provocare un picco di dopamina, che induce sensazioni di piacere.

Banana

Con la sua forma fallica, la banana sembra già un cibo afrodisiaco, ma questi alimenti contengono anche bromelina, un enzima che innesca la produzione di testosterone, il potassio e la vitamina B che elevano i livelli di energia.

Miele

Il miele è prodotto attraverso l’impollinazione ed è un simbolo di procreazione.

Anche la stessa parola “luna di miele” deriva dall’idromele, una bevanda alcolica a base di miele, donata ai novelli sposi.

Il miele, inoltre, contiene anche boro, che aiuta a regolare i livelli di estrogeni e testosterone: fornisce una spinta di energia naturale.

Non vi resta, dunque, che provare almeno uno di questi cibi afrodisiaci e capire se funzionano nella vostra vita di coppia e se miglioreranno la vostra intesa tra le lenzuola.

Immagini: Pixabay