Home Curiosita Grotte di Pertosa, il bacio tra la stalattite e la stalagmite: l’incontro...

Grotte di Pertosa, il bacio tra la stalattite e la stalagmite: l’incontro atteso da 20mila anni

CONDIVIDI

Si è formata una colonna nel punto in cui la stalattite e la stalagmite delle Grotte di Pertosa, si toccano, fino a formare un tutt’uno.

grotte di Pertosa bacio stalattite stalagmite

Un incontro che, in poco tempo, ha fatto il giro del web e che è tornato alla ribalta in queste ore.

Il “bacio” tra stalattite e stalagmite nella Grotta di Pertosa

Un incontro molto particolare quello avvenuto nelle Grotte di Pertosa-Auletta, in provincia di Salerno. Come riferisce anche Fanpage, una stalattite ed una stalagmite si sono “toccate” per la prima volta.

Un incontro atteso da oltre 20mila anni e che ha portato alla formazione di una colonna, dall’unione delle due componenti.

“Si stima che da circa ventimila anni queste concrezioni crescano lentamente cercando di toccarsi”

si legge sulla pagina social delle Grotte.

Pubblicata per la prima volta lo scorso novembre, la foto del bacio è tornata alla ribalta sui vari canali social in queste ore.

Cosa sono le stalattiti e le stalagmiti?

Come molti ben sapranno, la stalagmite è una formazione calcarea che si alza dal pavimento di una grotta, per via del carsismo, vale a dire l’erosione causata dall’acqua.

La stalattite, al contrario della prima, si origina dall’alto verso il basso. Quando le due formazioni calcaree si uniscono, come nel caso delle grotte di Pertosa nel salernitano, si forma una colonna.

Le Grotte di Pertosa-Auletta, situate nel massiccio dei Monti Alburni, a Salerno, sono le uniche in Italia in cui si può navigare un fiume sotterraneo, il Negro nello specifico. Un’altra loro peculiarità è il fatto che siano le uniche a conservare i resti di un villaggio del II millennio a. C.

Lunghe circa 3mila metri, sono organizzate in due percorsi turistici. Uno più difficile e tortuoso, soprattutto per i più esperti, l’altro scelto dalla gran parte dei visitatori.

Inoltre, per i più temerari, è possibile effettuare un percorso speleologico tra caverne ed anfratti.