Home Politica Governo, tutte le ipotesi dopo le dimissioni di Italia Viva

Governo, tutte le ipotesi dopo le dimissioni di Italia Viva

CONDIVIDI

Con le dimissioni delle ministre di Italia Viva è ufficiale la crisi del secondo governo Conte.

governo
Non si esclude un terzo governo targato Conte

Con le dimissioni annunciate delle ministre di Italia Viva è iniziata ufficialmente la crisi per il secondo governo Conte. Questa al momento sembra l’unica certezza dato che per porre rimedio alla crisi servirà un lungo percorso.

Tocca a Conte fare la prossima mossa

Andando con ordine dopo le dimissioni delle ministre Bellanova e Bonetti il “pallino del gioco” è tornato fra le mani del premier Giuseppe Conte. Quest’ultimo al momento, infatti, avrebbe due opzioni, salire al Quirinale ed assegnare le dimissioni oppure chiedere una verifica al Parlamento chiedendo l’interim.

Se la verifica andasse a buon fine, ossia che si raggiunga un accordo fra il premier, Italia Viva ed il resto della maggioranza, il secondo governo di Conte potrebbe proseguire.

In caso contrario, e la verifica fallisse, le dimissioni di Conte verrebbero consegnate immediatamente. A quel punto toccherebbe al presidente della Repubblica Sergio Mattarella chiedere ai partiti se intendono formare una nuova maggioranza e nel caso con quale premier.

Non si esclude un terzo governo targato Conte

Non è da escludere però l’ipotesi che venga di nuovo fuori il nome di Conte. Nel caso non si vada su un Conte terzo, invece, il nome dovrà essere comunque scelto da Movimento 5 Stelle, Partito Democratico, Italia Viva e Liberi e Uguali.

Inoltre, potrebbe anche esserci una nuova maggioranza nel corso delle consultazioni o persino una versione allargata della stessa. Ricordiamo, infine, come Mattarella abbia chiesto tempi brevi per la fine delle consultazioni.

In caso questo non dovesse verificarsi e non riesca a formarsi un nuovo governo sarà inevitabile lo scioglimento delle camere e la conseguente necessità di avere delle nuove elezioni. Al momento, come predetto però, non vi è nulla di certo quindi le ipotesi sono ancora tutte valide.