Home Politica Giuseppe Conte, linea dura: “Venerdì è una giornata importante, non abbassiamo la...

Giuseppe Conte, linea dura: “Venerdì è una giornata importante, non abbassiamo la guardia ora”

CONDIVIDI

Giuseppe Conte mette nero su bianco le sue preoccupazioni e richieste evidenziando di quanto la giornata di oggi sia prioritaria.

Giuseppe Conte, linea dura: "Venerdì è una giornata importante, non abbassiamo la guardia ora"

Nell’intervista il Premier Giuseppe Conte evidenzia il suo particolare interesse per la giornata di oggi, venerdì 27 novembre.

L’intervista al Premier italiano

Il Premier italiano ha rilasciato una intervista esclusiva per il Tg5, mettendo in evidenzia di quanto la giornata di oggi possa risultare essere fondamentale per guardare finalmente al futuro con occhi diversi.

Per il Premier ora è necessario che tutte le persone facciano un passo avanti e non indietro, con altri piccoli sacrifici per arrivare all’obiettivo che si ha in comune:

“venerdì  è una giornata importante, mi aspetto un RT che è arrivato a 1. sarebbe un segnale importante delle riduzione del contagio”

Ma insieme a questo si aspetta anche che tutte le Regioni che adesso sono Rosse possano cambiare colore, così che voglia dire aver fatto dei sacrifici per arrivare ad un risultato positivo:

“gli italiani sono consapevoli che sarà un Natale diverso o ci esponiamo ad una terza ondata a gennaio”

Recovery Fund e Berlusconi

Nella sua intervista esclusiva al Tg5, non mancano le raccomandazioni con invito agli italiani di non mollare la presa proprio in questo momento. Accorda sul fatto che questi siano mesi molto difficili:

“il governo sta intervenendo in modo chirurgico, con misure molto più ristrette e questo ci consente di far correre comunque l’economia, di non deprimere il tessuto produttivo”

Focus anche su Silvio Berlusconi, dove il Premier riconosce il merito per avere un approccio più costruttivo e produttivo con un dialogo tra maggioranza e opposizione che dovrebbe avvenire sempre nel rispetto dei ruoli.

Per il Recovery Fund si ritiene fiducioso e sa che presto Polonia e Ungheria supereranno il veto, seppur nel loro interesse così come andare avanti per dare il via libera a questo bilancio.