Home Casi Giallo di Caronia, la Procura annuncia la svolta: “Nessuna aggressione su Viviana”

Giallo di Caronia, la Procura annuncia la svolta: “Nessuna aggressione su Viviana”

CONDIVIDI

E’ scontro aperto tra le tesi della Procura che annuncia i risultati definitivi e la famiglia di Viviana e Gioele, ecco la svolta.

Viviana e Gioele, Procura annuncia risultati esami

Le famiglie Mondello e Parisi non accettano la tesi del suicidio di Viviana, ma il procuratore Cavallo è stato categorico: ecco cosa ha dichiarato in base agli ultimi esami eseguiti.

L’annuncio della Procura: Viviana non è stata aggredita

Nella vicenda della morte di a Viviana Parisi ed il piccolo Gioele Mondello scomparsi da Venetico il 3 agosto scorso e ritrovati cadaveri molti giorni dopo nelle campagne di Caronia.

Il procuratore di Patti Angelo Cavallo che si è occupato delle indagini ha nelle scorse ore fatto un incredibile annuncio.

“Ora possiamo escludere che Viviana e Gioele siano stati aggrediti da animali o da qualche persona”

L’annuncio anticipa i risultati delle ultime analisi appositamente eseguiti sul cadavere della mamma di Gioele, per escludere la possibilità di un’aggressione da parte di terzi.

Da quanto emerso, come riporta anche Fanpage, sul cadavere della donna ritrovata ai piedi di un traliccio dell’alta tensione, non vi sarebbero segni di morsi di animali.
Oltre a ciò gli esami dei periti avrebbero escluso anche la presenza di lesioni ad opera di terze persone.

Per la Procura dunque resta in piedi un’unica ipotesi, quella indicata già dopo il primo esame autoptico:

“Per la signora la morte è compatibile con il volo dal traliccio”.

Questo quanti dichiarato al Corriere della Sera dal procuratore Cavallo e si attendono nei prossimi giorni i risultati definitivi dei periti.

Daniele Mondello non si arrende, la difesa chiede altri esami

Per quanto riguarda il piccolo Gioele le analisi sono più difficili dato lo stato dei resti, ma Cavallo esclude che il piccolo fosse moribondo. Non vi sono infatti tracce di sangue nell’auto di Viviana e sui vestiti del bimbo.

I legali della famiglia però non si arrendono ma chiedono ulteriori analisi per valutare la presenza di sangue o altre tracce sulle frasche che si trovavano sul corpo di Viviana.

Il dubbio sollevato dagli avvocati dei Mondello è: come potevano esserci frasche e lividi sul corpo di Viviana, ritrovato a faccia in giù, se si fosse davvero gettata dal traliccio?

Daniele Mondello continua a sostenere che sua moglie non si è uccisa e non ha fatto del male al loro bimbo. A vox populi ha infatti svelato che lui e Viviana stavano pensando di dare un fratellino a Gioele.