Home Spettacolo Gerry Scotti spaventato dal Coronavirus: ‘Sensazione di terrore’. La testimonianza del conduttore

Gerry Scotti spaventato dal Coronavirus: ‘Sensazione di terrore’. La testimonianza del conduttore

CONDIVIDI

Gerry Scotti racconta la sua quarantena e confessa la paura del Coronavirus: “Una sensazione di terrore…”: l’angosciante racconto

Gerry Scotti
Il conduttore parla della quarantena a Mattino 5

La sua simpatia e la sua immensa umanità hanno conquistato i telespettatori. Gerry Scotti si conferma, infatti, tra i volti più amati e seguiti della televisione italiana. In questi giorni difficili per il nostro Paese, a causa dell’emergenza sanitaria causata dal Coronavirus, il conduttore ha confessato di avvertire una sensazione di terrore: ecco cosa ha detto a Mattino 5.

Gerry Scotti parla della sua quarantena

Il conduttore entra nelle case gli italiani con programmi che sono amatissimi, questi fanno divertire ed emozionare i telespettatori. Non a casa, è tra i volti più amati della televisione italiana per il suo modo di essere divertente, simpatico e molto sensibile. Che Gerry fosse un uomo dotato di una umanità immensa, ce ne ha dato prova più volte. In una delle ultime puntante di Chi Vuole essere Milionario, il conduttore si è emozionato ricordando suo padre.

Il nostro Paese sta attraversando un periodo non semplice a causa dell’emergenza sanitaria che sta cambiando radicalmente le abitudini dei cittadini. Durante la diretta di Mattino 5, condotto da Francesco Vecchi  è intervenuto Gerry Scotti che continua a condurre Striscia La Notizia in coppia con Michelle Hunziker ha espresso il suo pensiero in merito alla quarantena.

Le parole del conduttore

Il conduttore, così come tutti i cittadini italiani, rispetta le nuove regole prevista dal Governo per limitare la diffusione del virus. In merito a questa situazione, Gerry Scotti ha confessato:

 

“Ho visto periodi duri nella mia esistenza, quando ci facevano spegnere le luci o ci vietavano di andare in macchina perché non c’era il petrolio. Tutta la mia generazione ha avuto una sensazione di sana paura, ma mai una sensazione di terrore come in questi giorni”.

Il conduttore ha poi aggiunto:

 “Esco solo alle 18, vestito come un marziano, per venire a Cologno Monzese: siamo stati giudicati servizio indispensabile”.