Home News Gatti abbandonati: il sindaco di Rozzano li assume in comune

Gatti abbandonati: il sindaco di Rozzano li assume in comune

CONDIVIDI

Due gatti sono stati abbandonati a Rozzano. Il Sindaco del paese ha deciso di adottarli e consentire loro di vivere negli spazi del comune non aperti al pubblico.

gatti Rozzano

Il comune di Rozzano è il primo nel milanese, ad adottare un regolamento sulla presenza di animali domestici, in questo caso i gatti trovatelli, in ufficio.

Due trovatelli

Due gatti abbandonati sono stati assunti dal sindaco di Rozzano (Milano). I due trovatelli di due mesi e mezzo, lasciati a se stessi davanti un negozio del centro, sono diventati le mascotte degli uffici comunali. I dipendenti entusiasti li hanno chiamati Cris e Major.

I cuccioli sono stati recuperati dai volontari di un’associazione animalista. Questi ultimi, si sono rivolti al sindaco che ha adottato la singolare procedura. I cuccioli possono muoversi nelle aree degli uffici che non sono aperte al pubblico.

Una nuova regolamentazione

Portare gli animali negli uffici comunali è stato possibile grazie ad un nuovo regolamento comunale. Questo permette l’accesso degli animali domestici nei locali lavorativi. In pratica, stando all’ordinanza, i dipendenti possono portare i propri animali domestici sul posto di lavoro.

La nuova regolamentazione, tiene conto del fatto che gli animali domestici allontanano lo stress. L’assessore alla tutela degli animali, Lucia Galeone, come si legge su TgCom24, ha affermato:

“I due gattini erano stati abbandonati, avevano bisogno di un rifugio e di qualcuno che si occupasse di loro per questo abbiamo pensato di portarli in Comune”.

L’assessore ha continuato spiegando che i dipendenti e i gattini, per il momento, convivono molto bene. Degli anti stress naturali, dunque. I cuccioli dormono un po’ ovunque e scorazzano liberi. Il livello di igiene degli uffici resta molto alto. Del resto i gattini saranno abituati ad usare la lettiera.