Home Casi Firenze, i due amici con lo stesso destino a nove anni di...

Firenze, i due amici con lo stesso destino a nove anni di distanza: “Ci sono colpe umane specifiche”

CONDIVIDI

A Firenze due amici del cuore a distanza di nove anni si possono riabbracciare, dopo essere stati investiti dallo stesso tragico destino. Ecco la loro storia

Firenze
Firenze

Il destino si è accanito su questi due amici di Firenze. A distanza di nove anni la stessa tragica fine, senza colpa se non quella di essere stati uccisi dalla strada.

La storia di Lorenzo Lunghi e Lorenzo Guarnieri

Stesso nome, stesse passioni e una grande amicizia per questi due ragazzini inseparabili. Nel 2010 però la loro vita cambia, proprio quando Lorenzo Guanieri muore ucciso da un pirata della strada.

Era stato investito da un uomo su uno scooter a tutta velocità, successivamente fermato e positivo ad alcol e droga. Lorenzo Lunghi dopo nove anni viene travolto dallo stesso destino ed è il ragazzo che pochi giorni fa è stato travolto da un Tir, mentre cercava di cambiare una gomma sulla corsia di emergenza sulla Livorno-Genova.

Il destino crudele ha voluto riunire questi due amici, rimasti lontani per nove. Il tragico caso di Guarnieri ha contribuito all’approvazione della legge sull’omicidio stradale e le due famiglie non si sono mai perse di vista.

Le parole del padre di Lorenzo

Il papà di Lorenzo Guarnieri ha pubblicato un post toccante sulla pagina Facebook dell’Associazione dedicata al figlio, facendo una riflessione:

“non si parla di destino o fato, ma di specifiche colpe umane”

Evidenziando che basta uno scooter, un’auto o un tir per trovare la morte:

“c’è solo un luogo dove questo accade ovvero la strada e un unico arteficie ovvero l’uomo”

Ora questo padre sta aiutando i genitori di Lunghi ad affrontare questo terribile dolore, devastante e indescrivibile, come ha evidenziato e riportato il Corriere della Sera:

“a quel padre non ho detto le solite parole consolatorie, aiutandoli con fatti concreti per affrontare la disperazionie così devastante”