Home News Facebook fa ricorso alla Corte di Giustizia Ue contro l’Unione Europea

Facebook fa ricorso alla Corte di Giustizia Ue contro l’Unione Europea

CONDIVIDI

Facebook ha fatto ricorso alla Corte di Giustizia Ue contro l’Unione Europea per una possibile violazione della privacy dei dipendenti.

facebook

Colossi digitali nei guai, oltre ad Apple, Google e Amazon, Facebook è stata accusata di aver “soffocato” la concorrenza acquistando nuove app social come Instagram e WhatsApp.

In qualità di grande player nella pubblicità digitale, grazie alla profonda quantità di dati che raccoglie sui suoi utenti, l’azienda di Zuckerberg è stata accusata da Bruxelles di possibile violazione della normativa sulla concorrenza.

Facebook Inc. ha portato l’Unione europea in tribunale per aver violato la privacy dei propri dipendenti, ha annunciato la popolare società di social media.

Facebook sostiene che la documentazione richiesta dalla Commissione Ue, che sta indagando su una possibile violazione della normativa sulla concorrenza da parte di Fb, violerebbe la privacy dei dipendenti.

Facebook accusata da Bruxelles di una possibile violazione della normativa sulla concorrenza

Facebook è stato sottoposto al controllo delle forze dell’ordine dell’UE dallo scorso anno, con un’indagine focalizzata sul suo insieme di dati e l’altra sul suo mercato online lanciato nel 2016 e utilizzato da 800 milioni di utenti di Facebook in 70 paesi per acquistare e vendere oggetti.

Facebook fa causa a Bruxelles: “I documenti richiesti violano la privacy dei nostri dipendenti”

Da allora la società di Zuckerberg ha fornito alla Commissione 315.000 documenti equivalenti a 1,7 milioni di pagine.

“La natura eccezionalmente ampia delle richieste della Commissione significa che saremmo tenuti a consegnare documenti prevalentemente irrilevanti che non hanno nulla a che fare con le indagini della Commissione, comprese informazioni personali altamente sensibili come le informazioni mediche dei dipendenti, i documenti finanziari personali e le informazioni private su familiari di dipendenti “,

ha dichiarato il consigliere generale di Facebook Tim Lamb in una nota.

“Riteniamo che tali richieste debbano essere esaminate dai tribunali dell’UE.”

Facebook ha presentato il ricorso contro la Commissione UE ai giudici di Lussemburgo il 15 luglio, mettendo in discussione la sua richiesta di avere accesso a migliaia di documenti giudicati irrilevanti dall’azienda.