Home News Estate 2021 al mare e in piscina, tutte le regole per essere...

Estate 2021 al mare e in piscina, tutte le regole per essere pronti

CONDIVIDI

Tra gli argomenti di dialogo tra i rappresentati regionali c’è stata la prossima stagione balneare.

vacanze 2021, tutte le regole per ritornare al mare

Le misure preventive saranno quelle della scorsa estate, con una novità.

Spiagge aperte

Ad annunciare l’esito delle decisioni stabilite nell’incontro tra Regioni è Marco Scajola.

L’assessore ligure nonché coordinatore del tavolo interregionale del Demanio riporta che le norme cui attenersi sono quelle della prima stagione balneare pandemica.

“Lo scorso anno come Regioni avevamo lavorato per realizzare linee guida che il governo recepì e che non ha mai visto spiagge chiuse per covid.”

Afferma soddisfatto Scajola, che alle ore 16 ha incontrato le associazioni di categoria per esporre loro quanto stabilito.

Le regole per andare al mare e in piscina

Si può continuare a frequentare lidi e piscine assolati, con qualche dovuta precauzione che certo impatterà sulle entrate di chi è del settore.

Perché, come nel 2020, la capienza si riduce.

Infatti gli ingressi continueranno a essere contingentati, con percorsi differenti per l’ingresso e l’uscita.

Obbligatoria, come è ormai consueto, è la misurazione della temperatura corporea con il termoscanner.

Ci sarà un pass che i vaccinati da presentare al varco. Al moneto ancora non vi sono dettagli al riguardo.

Ogni ombrellone dovrà essere distanziato dagli altri di 5 metri.

Diventano 2 i metri che separare i lettini tra loro quando i vacanzieri non sono conviventi.

Continua l’abolizione dei buffet per tenere lontani gli assembramenti.

La sanificazione rimane obbligatoria per bagni e cabine, lettini e sdraio. L’igienizzazione delle superfici è da ripetersi più volte al giorno.

Gli spogliatoi comuni e le docce chiuse saranno chiusi.

Inoltre si invita a favorire i pagamenti elettronici.

Al bando feste, balli e giochi con l’intento di evitare la folla.

Se è vero che il rischio di trasmissione del covid-19 si abbassa notevolmente all’aperto, questo non accade quando le distanze si accorciano.