Home News Esami di stato 2021, è ufficiale: non ci saranno gli scritti

Esami di stato 2021, è ufficiale: non ci saranno gli scritti

CONDIVIDI

Gli esami di stato 2021 si terranno con una prova che sarà soltanto orale. Si tratta di una novità che interesserà sia gli studenti delle superiori che quelli delle medie.

esami di stato 2021

La modalità semplificata interesserà gli esami di maturità 2021 per via dell’emergenza sanitaria.

Una modalità semplificata

Gli studenti che dovranno sostenere gli esami di maturità nel 2021 si troveranno davanti ad una modalità completamente semplificata. Infatti, sia gli studenti delle medie che quelli delle superiori, a fine anno sosterranno un esame soltanto orale.

L’ufficialità arriverà grazie a delle ordinanze che sono in partenza. Gli orali si baseranno sulla discussione di un elaborato. I documenti, già lunedì prossimo, andranno al vaglio del Consiglio superiore della Pubblica Istruzione.

Una modalità semplificata che arriva in un anno scolastico in cui vige ancora l’emergenza sanitaria dovuta alla pandemia. Ovviamente, gli esami di stato 2021 terranno conto anche della situazione sanitaria che ci sarà.

Quando si svolgeranno gli esami

Nelle ordinanze saranno contenute le modalità d’esame. Gli esami di stato 2021 si svolgeranno, come di consueto, a giugno. Come data di partenza è stata fissata quella del 16 giugno.

Gli studenti dovranno iniziare la loro prova orale partendo dalla discussione di un elaborato scritto. Nell’elaborato lo studente dovrà cercare di toccare tutte le discipline studiate durante il proprio corso di studi.

Se possibile, l’elaborato (che potrà essere anche una prova pratica o prodotto multimediale) sarà integrato con altre esperienze trasversali che lo studente ha potuto condurre durante i suoi anni di studio.

Il neo Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi non ha fatto mancare il suo commento:

“L’Esame deve essere concepito come il diritto di tutte le studentesse e tutti gli studenti ad essere valutati sulla base delle attività scolastiche svolte nell’arco di tutto il loro percorso. Tenendo conto delle difficoltà vissute durante l’emergenza sanitaria”.

Ha riportato il Corriere della Sera.