Home Cronaca Como, donna incinta picchiata e abusata dal marito: ‘Mi prendeva a bastonate...

Como, donna incinta picchiata e abusata dal marito: ‘Mi prendeva a bastonate e poi..’

CONDIVIDI

Como, donna incinta brutalmente maltrattata e abusata dal marito: ‘Mi prendeva a bastonate’, e dettagli agghiaccianti delle violenze

donna incinta presa a bastonate dal marito
Donna incinta abusata e maltrattata

Dopo mesi e mesi di abusi e percosse, una donna di origine marocchina sposata con un 39enne italiano, ha finalmente deciso di denunciare il suo carnefice, per tutto il male che in pochi mesi di matrimonio le aveva provocato.

La coppia, sposatasi in Marocco, lo scorso 2018, si trasferisce a Dicembre nel nostro Paese, dove l’uomo aveva iniziato a mostrare la sua condotta violenta e vessatoria.

‘Mi minacciava e prendeva a bastonate’: i dettagli choc della denuncia alla polizia

La donna, che dopo mesi di violenze ha avuto il coraggio di denunciare l’uomo, il suo compagno di vita che avrebbe dovuto solo proteggerla soprattutto adesso che era in stato di gravidanza, ha deciso di denunciarlo alle forze dell’ordine.

La donna di origine marocchina, è stata ascoltata dalla Polizia di Como. In quella sede ha raccontato le terribili violenze subite nel corso degli ultimi mesi, in cui il marito, un 39enne italiano, spesso senza curarsi del fatto che fosse in attesa, la colpiva violentemente con un bastone, anche sul ventre.

Donna abusata e picchiata: ‘Una volta mi fece perdere i sensi’

Tra gli episodi più gravi raccontati dalla donna alla polizia, durante i quali veniva brutalmente percossa e abusata dal marito, vi è quello in cui l’uomo la colpi così violentemente alla testa da farle perdere i sensi.

Alle terribili violenze seguivano anche gravi minacce, nei confronti della donna. Ecco cosa le diceva puntualmente:

“Tanto non ti crederanno mai, non parli neanche l’italiano”

La donna però, dopo mesi di sofferenze e torture, ha deciso invece di denunciarlo. Dopo la sua denuncia, avviate le indagini, è stata trasferita in una casa d’accoglienza ad hoc. All’arresto dell’uomo, ora in carcere, la donna è potuta ritornare a casa propria.