Home News Donald Trump minaccia Francia e Italia: “No alla digital tax o imporremo...

Donald Trump minaccia Francia e Italia: “No alla digital tax o imporremo dazi al 100%”

CONDIVIDI

Alla vigilia del summit Nato, nuove minacce arrivano dal presidente americano, Donald Trump: dazi al 100% contro i regimi di web tax

donald trump

Il presidente Donald Trump minaccia un aumento dei dazi contro l’Ue per il caso Airbus.

Le minacce di Donald Trump

Alla vigilia del summit Nato che si terrà a Londra, il presidente americano, Donald Trump, fa partire nuove minacce alle capitali europee. Per i Paesi che sceglieranno la digital tax ci saranno dazi fino al 100%, ha fatto sapere il presidente Trump.

Il primo bersaglio è, di certo, la Francia, che ha già in vigore una web tax per il pagamento delle tasse da parte dei giganti americani della rete internet, quali Amazon e Facebook. Secondo Trump i dazi per la Francia arriveranno al 100%, ma, a quanto pare, non sarà solo il Paese di Macron ad essere colpito.

Un aumento dei dazi potrebbe coinvolgere anche altre capitali, come Roma, visto che l’Italia ha previsto un’aliquota del 3% per i colossi americani nella prossima legge di bilancio.

Scaduta la tregua con la Francia

I 3 mesi di tregua concordati tra Francia e Stati Uniti per provare a trovare un accordo sulla web tax sono scaduti la scorsa settimana, senza che si raggiungesse un’intesa.

Il segretario al Commercio Usa, Robert Lighthizer, ha anticipato l’azione degli Stati Uniti contro i regimi di web tax.

Nelle prossime ore, il presidente Trump dovrebbe incontrare Emmanuelle Macron per cercare di trovare un accordo, che, comunque, dovrà essere siglato entro il prossimo 14 gennaio.

Dopodiché, nel caso di mancata intesa, partiranno i nuovi dazi er Parigi e per l’Italia, già colpita da pesanti tassazioni su prodotti di eccellenza come parmigiano e mozzarella, dopo che l’Organizzazione Mondiale del commercio ha protratto i benefici di Airbus.

Secondo gli americani, gli aiuti ad Airbus danneggiano l’industria americana e quindi è necessaria un’azione mirata dal governo di Washington.