Home Politica Decreto Agosto, approvazione definitiva: 25 miliardi per il rilancio economico

Decreto Agosto, approvazione definitiva: 25 miliardi per il rilancio economico

CONDIVIDI

Il decreto Agosto è stato ufficialmente approvato anche dalla Camera con un impiego di 25 miliardi per il rilancio dell’economia del Paese.

Decreto Agosto, approvazione definitiva: 25 miliardi per il rilancio economico

Il Decreto Agosto è ufficialmente legge a seguito approvazione da parte della Camera, atto a rilanciare l’economia italiana.

Decreto Agosto legge confermata

Il provvedimento è stato confermato alla Camera a Montecitorio con 265 voti a favore, 2 astenuti e 180 contrari. Nel complesso si parla di 25 miliardi che sono a favore della crescita e rilancio dell’economia del Paese al tappeto dopo l’emergenza da Coronavirus.

Un provvedimento ampliato a seguito dell’esame del Senato, con semplificazione del superbonus così che tutte le procedure potessero essere snellite e velocizzate. All’interno del decreto si trova anche il congedo per i genitori altresì semplificato inerente i figli in quarantena nonché tutte le misure per uno smart working che interessa soprattutto i lavoratori considerati fragili.

Cassa integrazione e tasse

12 miliardi vengono dedicati direttamente al reddito per la cassa integrazione Covid, con misure per incentivare il lavoro. Una fetta è destinata a Province – Regioni e Comuni per un totale di 5 miliardi e 1 miliardo per la riaperture delle scuole.

La sanità italiana riceve mezzo miliardo per ridurre tutte le liste d’attesa a 400milioni che sono a disposizione del commissario designato per l’emergenza al fine di finanziare i vaccini contro il Coronavirus.

Come si legge ancora su Il Fatto Quotidiano, ci sono anche 6 miliardi che sono stati previsti per un intervento diretto sulle tasse. Il rinvio da novembre ad aprile per gli autonomi sull’acconto ha una valenza di 2,2 miliardi.

Per tutti coloro che non hanno pagato le tasse, contributi e ritenute nel mese di marzo, aprile e maggio non sarà obbligato a saldare il tutto entro la fine dell’anno ma potrà optare per una metà entro dicembre e il restante in 24 rate mensili.

Rata dell’Imu annullata per tutte le attività turistiche e culturali, con estensione al 2021 – 2022 per cinema e teatri.