Home News De Luca chiude tutto: serrata sulla Campania, non sarà un’altra “Bergamo”

De Luca chiude tutto: serrata sulla Campania, non sarà un’altra “Bergamo”

CONDIVIDI

Il governatore non intende aspettare altro tempo, intende chiudere in breve tempo la Campania, per almeno 30/40 giorni.

de luca chiude tutto

 

Non vuole rischiare una seconda Bergamo, il governatore De Luca si prepara a imporre il lockdown.

De Luca chiude la Campania

Questo quanto ha intimato il governatore della Campania Vincenzo De Luca, troppo rischioso con i numeri che aumentano ogni giorno, pensare di rinviare la chiusura totale.

I tempi si fanno sempre più velocemente maturi a che siano emanate le regole e ripristinato il tanto temuto lockdown. Non vuole rischiare sulla pelle dei cittadini campani, la “tragedia”, già vissuta a Bergamo.

I contagi nella regione sono saliti a 2280, questi dati richiedono che si prendano da subito le decisioni necessarie. Cosi si è espresso De Luca:

“”Avevamo immaginato una chiusura parziale, ma per i dati che abbiamo, dobbiamo decidere di chiudere tutto”.

De Luca ha intenzione di far presente al Governo che intende agire per la Campania in autonomia,  procedendo in direzione della chiusura di tutto. E ha aggiunto:

“Per l’Italia deciderà il Governo”.

Parole che non lasciano adito ad alcun dubbio, non pensa più al coprifuoco. Il presidente della Regione Campania intende chiudere tutto tranne quelle attività, come le industriali, agricole o l’agroalimentare, ovvero le stesse già conosciute a marzo e aprile.

Chiudere ora per riaprire a Natale

Ribadisce in un video su facebook, che non vuole che si ripetano le tristi immagini dei camion che portano via le centinaia di bare di persone decedute.

Con la decisione di chiudere oggi senza ulteriori ritardi o perdite di tempo, De Luca spera di avere di nuovo la situazione sotto controllo, di arrivare al periodo di Natale magari con una riapertura parziale.

Non sono sconosciute al governatore la sofferenza o il disagio,  che queste decisioni possano arrecare alle famiglie e alle attività economiche, ma con i dati alla mano, non sembrano esserci altre alternative possibili.