Home News Covid, per Fontana la Lombardia potrebbe tornare in zona rossa

Covid, per Fontana la Lombardia potrebbe tornare in zona rossa

CONDIVIDI

Le parole di Fontana non lasciano dubbi, con i nuovi parametri la Lombardia potrebbe finire nuovamente in zona rossa.

Fontana Lombardia
Per il governatore la situazione in Lombardia non sarebbe affatto tranquilla.

Il governatore della Lombardia, Attilio Fontana, avrebbe fatto il punto della situazione sul covid nella sua regione. Sfortunatamente, come segnalato dallo stesso Fontana, i dati non sarebbero buoni con un aumento improvvisto dell’Rt che ha raggiunto l’1.24.

L’Rt sarebbe salito di colpo all’1,24

Nel caso i numeri non si arrestassero, infatti, la Lombardia potrebbe nuovamente essere dichiarata zona rossa. Queste le parole che il governatore avrebbe pronunciato dinanzi le telecamere di Sky Tg 24.

“In tutti i parametri stiamo peggiorando, la situazione deve essere tenuta sotto controllo. Tutti questi parametri dovrebbero avere omogeneità, tutto il discorso dovrebbe essere fatto con estrema chiarezza. Anche quello sui tamponi rapidi deve essere valutato. È una cosa estremamente complessa. Si tolgono certezze ai cittadini e agli amministratori”.

Questi gli avvertimenti lanciati dal governatore che, inoltre, sottolinea come le modifiche ai parametri per rilevare la diffusione della pandemia abbiano dato ulteriori problemi.

Fontana si è espresso anche sulla scuola

Non solo, Fontana non ha dubbi, i continui mutamenti fra zona gialla, arancione e rossa non riuscirebbe a dare stabilità alle regioni. Secondo il governatore, infatti, i tecnici dovrebbero concentrarsi ad individuare i comportamenti da evitare ed escluderli.

“È sicuramente la questione più grave dal punto di vista sociale. Sicuramente dovremo concentrarci di più. Noi abbiamo fatto tutto quanto era stato richiesto dal governo anche in merito al trasporto pubblico locale e saremmo pronti. Avevamo fatto un progetto assolutamente preciso e ben fatto. Purtroppo però l’improvviso peggioramento dei numeri ci ha costretto a cambiare opinione”.

Questa l’opinione di Fontana in merito al tema della scuola la quale apertura sarebbe stata rimandata al 24 gennaio e che, inoltre, potrebbe slittare ancora in caso la Lombardia torni zona rossa.