Home News Covid, bollettino del 1 dicembre: 19.350 casi e 785 morti

Covid, bollettino del 1 dicembre: 19.350 casi e 785 morti

CONDIVIDI

Aggiornamento sulla situazione della pandemia da Covid-19 nel nostro Paese. I dati riportati sono quello diffusi dal Ministero della Salute.

Il bollettino di oggi, 1 dicembre 2020, con gli aggiornamenti sulla situazione del Covid-19 in Italia.

Il bollettino del 1 dicembre

L’evoluzione della pandemia in Italia è monitorata regolarmente dal Ministero della Salute sul portale ufficiale. Il report divulgato ogni giorno riporta i dati riferiti alla situazione nazionale.

Dai dati si evidenzia la curva dei contagi e dei morti e la condizione degli ospedali italiani, con riferimento al numero dei pazienti sintomatici ricoverati nelle terapie intensive.
Un ulteriore dato utile per il monitoraggio riguarda il numero di tamponi eseguiti nelle 24 ore.

Di seguito tutti i dati ufficiali:

  • Nuovi Contagi: 19.350 contro i 16.377
  • Morti: 785  contro i di ieri 672
  • Pazienti ricoverati con sintomi: – 8.526
  • Pazienti in terapia intensiva: 3.663
  • Guariti: 27.088 contro i 23.004
  • Tamponi: 182.100 invece dei 130.524

Come appare dai dati, la curva dei nuovi casi è in aumento rispetto a ieri, cosi come quella riferita ai pazienti guariti è in aumento rispetto alla giornata di ieri. Il dato dei tamponi è in aumento.

Per Natale gli studenti fuori sede potranno tornare a casa

Manca poco all’arrivo del nuovo Dpcm anti Covid, che conterrà le regole in vigore valide per Natale.

Riguardo le università non ci saranno cambiamenti sostanziali rispetto al precedente decreto del 3 novembre scorso.
Qui gli atenei indicavano come veniva organizzata la didattica e le attività curriculari, considerando le esigenze formative e l’evoluzione della pandemia sul territorio, oltre le esigenze richieste dalla sicurezza sanitaria.

Si andrà avanti con la didattica a distanza per tutti, fatta eccezione per le matricole e per i laboratori, che sono nelle fasce gialla e arancione e potranno continuare in presenza.

Come riferisce Fanpage.it, De Cristofaro ha inoltre confermato che gli studenti fuori sede avranno la possibilità di tornare a casa per Natale e di spostarsi da una Regione all’altra.

Il Miur ha quantificato in oltre 300mila gli universitari che frequentano le università in una Regione diversa da quella di residenza, ma non si può anticipare di questi quanti torneranno a casa. Inoltre molti di loro stanno già usufruendo della Dad.