Home News Coronavirus: 27 morti ad agosto per aver contratto il virus a lavoro

Coronavirus: 27 morti ad agosto per aver contratto il virus a lavoro

CONDIVIDI

L’Inail ha registrato ben 27 morti sul posto di lavoro a causa del coronavirus contratto proprio in ufficio o azienda.

coronavirus lavoro

8 su 10 di queste persone morte erano a lavoro in ambito sanitario e, proprio lì, sono venute a contatto con il coronavirus.

La comunicazione dell’Inail

La pandemia ed il coronavirus hanno impattato anche sul mondo del lavoro. Non soltanto per il crollo dell’economia e il licenziamento di personale, ma anche per i numerosi contagi avvenuti proprio sul posto di lavoro.

L’Inail, infatti, ha comunicato che, nel mese di agosto, sono decedute 27 persone per aver contratto il coronavirus proprio sul posto di lavoro. Basti pensare che, al 31 agosto, i contagi denunciati da coronavirus contratto a lavoro, sono stati 52209. L’incidenza sul numero dei nuovi positivi nazionali totali è stata del 19,4%. In totale, dall’inizio della pandemia, i decessi per coronavirus contratto a lavoro sono stati 303.

Per l’83,8% i deceduti sono stati soprattutto uomini la cui età media è di 59 anni. Le donne contagiate sono state il 71,3% con età media di 47 anni.

L’analisi

Per quanto riguarda la localizzazione, la maggior parte dei contagi è avvenuta al Nord con il 56,1% delle denunce. Anche i decessi sono stati maggiori al Nord-Ovest, con il 56,4% dei casi. La provincia di Bergamo è quella più colpita, con 37 decessi totali che incidono con il 12,2% del totale. Segue la provincia di Milano con l’11%.

8 lavoratori su 10 hanno contratto il virus sul posto di lavoro in ambito sanitario. Infatti, il 71,2% delle infezioni è stata proprio in quell’ambito, di cui il 23,3% rivelatisi mortali. Gli altri ambiti dove sono avvenuti più contagi sono stati: i call center, i servizi di vigilanza e pulizia, il settore manifatturiero. Fanalino di coda i servizi di alloggio e ristorazione.

Alla fine del lockdown, il maggior numero dei contagi si è verificato anche in attività economiche tipicamente estive come attività ricettive balneari ma anche agenzie di viaggio.