Home News Corea del Nord testa missili a lungo raggio, pressioni sugli Usa per...

Corea del Nord testa missili a lungo raggio, pressioni sugli Usa per sbloccare nucleare

CONDIVIDI

La Corea del Nord sta testando missili a lungo raggio, ma non se ne conosce il tipo. Sugli Usa pressioni per sbloccare il nucleare

corea del nord

Test di propulsori missilistici nella Corea del Nord. Cosa sta accadendo?

Test missilistici nella Corea del Nord

La Corea del Nord sta effettuando dei test missilistici sel sito di Sohae, conosciuto come la sede da cui vengono messi in orbita i satelliti.

Sohae si trova sulla costa nordest del Paese. Ad ufficializzare l’avvio dei test è stato un portavoce dell’Accademia di scienze della difesa, ma non è stata definita, almeno non ufficialmente, la tipologia dei test effettuati nel centro di Sohae.

Nelle immagini catturate dal satellite nella sede sulla costa nordorientale e diffuse lo scorso 5 dicembre si vede un container molto grande che, a detta di Jeffrey Lewis, analista, sarebbe un indicatore del test di un missile.

Pressioni sugli Stati Uniti

Intanto, mentre la Corea del Nord effettua i test missilistici, si intensifica la pressione sugli Stati Uniti per cercare di sbloccare i negoziati sul nucleare.

L’ambasciatore coreano, Kim Song, ha fatto sapere che la denuclearizzazione è già fuori dalle contrattazioni. I colloqui con gli Stati Uniti non sarebbero necessari. Entro la fine di quest’anno, ha fatto sapere l’ambasciatore, si attendono concessioni in materia di nucleare da parte del governo americano.

Il presidente Donald Trump è accusato di portare avanti una politica ostile e l’Unione Europea si sta muovendo come un animale da compagnia del Governo di Washington: sono queste le accuse mosse dal governo coreano nei confronti degli Stati Uniti.

I missili testati lo scorso 5 dicembre sarebbero dei missili a lungo raggio che, nel prossimo futuro, dovrebbero incidere sulla modifica dell’attuale posizione della Corea del Nord.

Intanto il Presidente Donald Trump ha messo in guardia il governo coreano dal non intromettersi nella sua campagna per la corsa alla presidenza.