Home News Concluso il processo per l’uccisione di Rafiki

Concluso il processo per l’uccisione di Rafiki

CONDIVIDI

Il bracconiere che ha ucciso il re dei gorilla è stato condannato ad una pesante pena detentiva, ma è una giustizia a metà.

Rafiki processo bracconiere

Felix Byamukama ha ammesso di aver ucciso un raro gorilla dopo essersi introdotto illegalmente in un’area protetta dell’Uganda. La condanna è stata molto pesante, ma poteva arrivare all’ergastolo.

La sentenza di condanna

L’uomo è stato condannato a 11 anni di detenzione e ha reso nota la condanna l’Uganda Wildlife Authority (UWA). Il gorilla era scomparso il 1° giugno e il suo corpo è stato ritrovato e recuperato i 2 di giugno da una squadra di ricerca.

RAFIKI KILLER SENTENCED TO 11 YEARS IN PRISON

Pubblicato da Uganda Wildlife Authority su Giovedì 30 luglio 2020

Rafiki secondo gli inquirenti è stato ucciso da un oggetto appuntito che è penetrato nei suoi organi interni. La squadra dell’UWA ha rintracciato Felix Byamukama in un villaggio vicino, dotato dell’attrezzatura da caccia. Insieme a lui erano presenti altri 3 uomini che sono ancora in attesa di giudizio.

La difesa non credibile

Rafiki aveva 25 anni e Felix non ha pensato che fosse un esemplare di una specie in via d’estinzione, dato che al mondo ne restano in totale circa un migliaio.

Felix Byamukama si è difeso dicendo che si è trattata di legittima difesa. Secondo il racconto dell’uomo Rafiki l’aveva attaccato e per questo l’ha ucciso. Felix non ha ucciso solo il gorilla, ma anche un maialino e una piccola antilope.

L’uomo quindi ha subito una condanna totale di 11 anni per diversi reati. Una vittoria a metà se pensiamo che la pena massima per ogni singola uccisione è dell’ergastolo. A processarlo è stato un tribunale speciale per la fauna selvatica.