Home News Commercianti del Pigneto contro il coprifuoco: “Così ci rovinate”

Commercianti del Pigneto contro il coprifuoco: “Così ci rovinate”

CONDIVIDI

Durante la prima notte di coprifuoco nel Lazio, i commercianti del Pigneto sono scesi in strada a protestare.

commercianti Pigneto
Diverse proteste nelle strade e nelle piazze del Lazio.

I nuovi coprifuochi emanati in diverse regioni dell’Italia hanno creato molto malumore nei cittadini che sono scesi nelle strade a protestare. E’ questo quello che è successo anche nel Lazio, dove durante la prima notte di coprifuoco diversi commercianti del Pigneto hanno iniziato una protesta.

Dura protesta nel Lazio per il coprifuoco imposto da Nicola Zingaretti

A protestare, come predetto, soprattutto commercianti, i quali anche durante il lockdown sono stati notevolmente penalizzati essendo costretti a chiudere.

“Così ci rovinate”

E’ stato questo, infatti, il grido dei commercianti del Pigneto i quali hanno invitato titolari di altri esercizi ad unirsi a loro. Così nel totale rispetto delle norme di distanziamento sociale e muniti di mascherina, gli uomini hanno manifestato contro l’ordinanza firmata da Nicola Zingaretti, la quale prevedeva l’entrata in vigore di un coprifuoco valido da mezzanotte alle 5 del mattino.

“Chiudere a mezzanotte senza una ragione, non so che fare. Mi trovo ogni giorno a dover incitare i dipendenti, che sono completamente scoraggiati per la grave situazione che stiamo vivendo”.

Queste le parole di uno dei titolari scesi in strada a protestare. Situazione simile, invece, nella piazza Campo de’ fiori, dove anche qui le proteste non sono mancate. Qui i vigili urbani hanno transennato tutti i luoghi di movida tipici della piazza in modo da evitare assembramenti.

Proteste per il coprifuoco anche nella piazza Campo de’ fiori

Per protesta, quindi, i gestori di locali e ristoranti hanno preferito chiudere prima. Per molti, infatti, questo coprifuoco potrebbe essere un ultimo colpo che porterebbe alla chiusura del proprio esercizio. Secondo uno dei titolari intervistati da Fanpage, infatti, quest’anno il suo locale ha perso il 70% del fatturato.