Home News Rapporto Censis, emerge la figura dell’italiano attuale: ansioso, razzista e dipendente dallo...

Rapporto Censis, emerge la figura dell’italiano attuale: ansioso, razzista e dipendente dallo smartphone

CONDIVIDI

L’ultimo rapporto stilato dal Censis ha fatto emergere che gli italiani sono diventati più ansiosi ma anche più razzisti. Vediamo i dettagli.

censis

Secondo il Censis aumenterebbe anche lo stato di incertezza, di cui sono in balia oltre il 65% degli italiani.

Censis: italiani ansiosi, sfiduciati e…razzisti!

Il Censis ha diffuso l’ultimo Rapporto sulla situazione sociale italiana, il cinquantatreesimo. Ne è emerso che il 65% degli italiani versa in uno stato d’animo di incertezza per il futuro. Un’incertezza dovuta principalmente alla crisi economica che, dal 2008 ad oggi, ha portato ad una sorta di logoramento del singolo che ha architettato stratagemmi individuali per difendersi. Ma anche, come si legge, a pulsioni sempre più forti di anti democrazia. Il 48% degli italiani, infatti, vorrebbe l’uomo forte al potere seguendo la credenza messianica dell’uomo forte che tutto risolve. Un uomo che non debba preoccuparsi di elezioni e Parlamenti vari.

Crescono l’odio, l’intolleranza ed il razzismo verso le minoranze per il 69,8% degli italiani. Un dato più evidente nel Centro della Penisola (75,7%) e nel Sud (70,2%), tra gli over65 (71%) e le donne (72,2%). Il 58% degli italiani è antisemita.

Italexit e dipendenza dallo smartphone

Dal rapporto Censis è emerso anche che il 62% degli italiani vorrebbe l’Italia fuori dall’Europa ed il 25% si è detto, invece, favorevole all’Italexit. Il 32% vorrebbe il ritorno delle dogane.

Sebbene dai dati, emerga che l’occupazione sia aumentata rispetto al 2018, in realtà per il censis sono 867.000 gli occupati a tempo pieno. Ad aumentare il part time involontario, soprattutto tra i giovani. Le retribuzioni, poi, sono diminuite di 1000 euro in media. Sono 2,9 milioni gli italiani che guadagnano meno di 9 euro all’ora lordi.

Gli italiani sono risultati parecchio dipendenti dagli smartphone: il 25,8%, infatti, non esce di casa se non con il caricabatterie in tasca; il 50,9% controlla il telefono appena sveglio e prima di coricarsi.