Home Casi Caso Pipitone, la 19enne romena: “Non sono io Denise, ma sono pronta...

Caso Pipitone, la 19enne romena: “Non sono io Denise, ma sono pronta a fare il test del Dna”

Elena Denisa è intervenuta nel daytime di Barbara D’Urso e durante la trasmissione in onda su Raiuno, “Storie Italiane”.

parole Elena Denisa
Foto da Pomeriggio 5

La ragazza ha escluso categoricamente di essere la piccola scomparsa da Mazara del Vallo nel 2004.

La segnalazione su Elena Denisa

Una cicatrice sotto l’occhio, una storia piuttosto difficile alle spalle ed una somiglianza, presunta o tale.

Sono bastati questi elementi a riaccendere l’attenzione sulla storia di Denise Pipitone e su una nuova segnalazione, che arriva dalla Calabria.

Questa volta si tratta di una ragazza rom di 19 anni, Elena Denisa.

La segnalazione che ha nuovamente scosso l’opinione pubblica sarebbe arrivata da una parrucchiera di Scalea che ha notato non solo somiglianze fisiche con la piccola scomparsa da Mazara del Vallo ma anche similitudini tra le due storie.

Le parole di Elena Denisa

Intervistata da Barbara D’Urso e questa mattina da Eleonora Daniele, la 19enne ha escluso senza ombra di dubbio di essere lei la ragazza scomparsa da Mazara del Vallo 17 anni fa.

Elena Denisa si è detta disposta a fare l’esame del Dna per fugare ogni dubbio.

“Sono arrivata in Italia nel 2009, avevo 6 e anni e mezzo e la storia di Denise Pipitone la conosco bene. Nasco in Romania, sono arrivata qui a sette anni, sono andata a scuola, ho fatto karate. Poi mi sono trasferita a Cosenza, sono andata al liceo, facendo anche lavoretti part time. Ho avuto qualche litigio con mia madre ma ora ci siamo riavvicinate, da quando poi è cominciata questa storia mi ha mostrato molte foto della mia infanzia”

ha raccontato la ragazza.

La 19enne ha offerto piena collaborazione alle forze dell’ordine, raccontando la storia della sua vita.

A Piera Maggio ha detto di non perdere la speranza, perché prima o poi potrebbe arrivare la segnalazione giusta, che potrebbe farle ritrovare la figlia tanto amata.

Leggi anche —> Tortolì, ucciso a 19 anni per difendere la madre dall’ex compagno: il ricordo di Mirko Farci

Visto l’evolversi della situazione, non è certo che la Procura di marsala autorizzi l’esame del Dna.