Home News Carne tossica ritirata dal famosissimo supermercato: rischio microbiologico

Carne tossica ritirata dal famosissimo supermercato: rischio microbiologico

CONDIVIDI

Salsiccia sottovuoto venduta dalla METRO tossica e ritirata dal mercato: rischio infezione da Salmonella. Ecco tutte le informazioni utili.

METRO supermercato – iStock

Ieri è apparso sul sito del Ministero della Salute l’ennesimo allarmante richiamo alimentare: salsiccia sottovuoto tossica rivenduta dalla Metro su tutto il territorio nazionale.

Le analisi di routine hanno rivelato la presenza di salmonella spp. nella salsiccia sottovuoto ed è stato subito indetto il ritiro dal commercio.

salsiccia metro ritirata
salsiccia

La salmonellosi è una delle infezioni più diffuse trasmesse dal cibo e provoca spiacevoli infezioni intestinali.

I sintomi che potreste presentare se avete consumato questo prodotto contaminato sono: diarrea, vomito, sangue nelle feci, nausea e febbre oltre a forti dolori addominali.

Ecco tutte le informazioni utili riguardanti la merce contaminata.

Salsiccia sottovuoto infetta: rischio salmonella

L’11 Agosto 2020 il Ministero della Salute ha notificato l’allarmante richiamo alimentare per rischio microbiologico.

Nella salsiccia sottovuoto le analisi hanno riscontrato il rischio di infezione da salmonella spp.

Consumarla comporterebbe una possibile intossicazione alimentare chiamata salmonellosi.

Il prodotto richiamato dai supermercati è un lotto di salsiccia commercializzato da METRO con denominazione di vendita Salsiccia s/v.

Viene confezionata in pacchi che pesano circa 39,91 kg ciascuno.

L’alimento infetto è prodotto da Salumificio Ravecca srl nello stabilimento situato in via Aurelia n.46 a San Benedetto Riccò del Golfo in provincia di La Spezia.

Il marchio identificativo del prodotto è IT C 9681 CE, il lotto di produzione invece è il 25/07/20/1.

La data di scadenza o termine minimo di conservazione indicata sulla confezione è il 26/08/2020.

METRO ha comunicato immediatamente la notifica del ritiro del prodotto contaminato ai suoi consumatori.

Essendo tra i più importanti colossi nazionali appartenenti alla Grande Distribuzione Organizzata è molto attenta sia alla qualità che alla sicurezza dei prodotti.

L’avviso del ritiro è datato 7 agosto 2020 ma sul sito del Ministero è stato comunicato in via ufficiale solo l’11 agosto.

Nello stesso giorno è apparsa anche la notifica di ritiro di carne dalla LIDL.

Sull’avviso è specificato chiaramente che, se già acquistato, il prodotto in questione non deve essere consumato e riconsegnato al punto vendita.

Potrete essere rimborsati anche senza presentare lo scontrino oppure sostituire il prodotto infetto con altra merce.

Se avete già consumato la salsiccia ritirata inavvertitamente consultate il vostro medico anche se non presentate sintomi di malessere.

LettoQuotidiano.it è stato selezionato nella nuova app di Google News. Per rimanere sempre aggiornato clicca qui e poi sulla stellina “Segui”