Home Casi Carmagnola, Teodora e Ludovico uccisi con decine di coltellate: la furia di...

Carmagnola, Teodora e Ludovico uccisi con decine di coltellate: la furia di Alexandro Riccio

CONDIVIDI

Ricostruita l’ultima, drammatica notte costata la vita a madre e figlio. Questa mattina, intanto, è stato convalidato l’arresto del killer di Carmagnola.

omicidio Carmagnola

Il 39enne è accusato di duplice omicidio. Attesa nel pomeriggio l’autopsia sui corpi delle vittime.

L’ultima notte di Teodora e Ludovico

Li ha uccisi con decine di coltellate, prima di tentare il suicidio. È la drammatica ricostruzione dell’ultima notte di Teodora Casasanta, 39 anni, e del piccolo Ludovico, 5 anni appena.

Lo scorso giovedì, intorno alle 3 di notte, mamma e figlio sono stati uccisi nella loro abitazione di Carmagnola da Alexandro Riccio, coetaneo e marito di Teodora.

L’uomo ha colpito la moglie con quindici coltellate alla schiena, mentre la donna era a letto. Poi ha ucciso il piccolo Ludovico, colpendolo con 8 coltellate.

Dopodiché, ha infierito contro la moglie lanciandole addosso qualsiasi oggetto si trovasse tra le mani, tra cui anche un televisore.

Il piccolo Ludovico è stato ucciso nel suo letto e poi spostato nel corridoio, dove gli inquirenti lo hanno trovato ormai senza vita.

A lanciare l’allarme, quella drammatica notte, è stato un vicino di casa, che ha sentito le urla strazianti delle due vittime ed ha allertato le forze dell’ordine.

Quando i militari sono giunti sul posto, per Teodora e Ludovico non c’era ormai più nulla da fare.

Convalidato l’arresto per il killer

Alexandro Riccio ha tentato il suicidio, prima tagliandosi le vene, poi lanciandosi dal balcone della sua abitazione.

Il 39enne è riuscito a salvarsi ed è tuttora ricoverato nel Reparto Detenuti dell’ospedale delle Molinette di Torino.

Questa mattina è arrivata la convalida dell’arresto, anche se i carabinieri non hanno ancora potuto interrogarlo.

Nelle prossime ore intanto sono attesi gli esami autoptici sui corpi di Teodora e Ludovico.

“Vi porto via con me”

aveva scritto in un biglietto, prima di compiere la strage tra le mura di casa.

Teodora gli aveva chiesto la separazione, perché le cose tra loro due non sembravano più funzionare. Alexandro invece voleva restare con lei. Così, armato di coltello e di rabbia, ha ucciso la moglie ed il loro bimbo.