Home News Capitale della cultura 2024, Montalto sostiene Ascoli

Capitale della cultura 2024, Montalto sostiene Ascoli

CONDIVIDI

Il sindaco di Montalto ha inviato attraverso una lettera il proprio sostegno al primo cittadino di Ascoli.

Montalto Ascoli
La vittoria di Ascoli potrebbe giovare a tutta la provincia.

Con l’ausilio di una lettera Daniel Matricardi, il primo cittadino di Montalto delle Marche ha fatto recepire il proprio sostegno al sindaco di Ascoli per la candidatura della città a capitale della cultura 2024.

Per Matricardi tutte le provincie dovrebbero sostenere Ascoli

Nella lettera il rappresentante di Montalto ha scritto come la città di Ascoli Piceno con a capo Marco Fioravanti abbia tutte le carte in regola per ambire al traguardo. Secondo il sindaco, inoltre, tutte le cittadine vicine dovrebbero sostenere la candidatura di Ascoli.

La vittoria di Ascoli potrebbe portare benefici a tutta la Regione

Un sostegno, quello tra Montalto ed Ascoli che trova le sue radici nel tempo. Secondo la leggenda, infatti, furono proprio due patrizi del capoluogo delle Marche a fondare la città. Sono diverse, inoltre, le figure storiche in comune fra le due realtà come Felice Peretti/Sisto V o i conti Sacconi.

“L’intento è quello di creare una vera e propria rete ampia e trasversale di soggetti pubblici e privati per supportare una candidatura che può portare valore e indotto a tutto il territorio piceno e regionale”.

Queste le parole del sindaco di Montalto che intende supportare tutte le idee che coinvolgono la propria zona. Se la candidatura di Ascoli dovesse essere accettata, infatti, i vantaggi sarebbero diversi per tutta la regione.

Tra i principali benefici sicuramente quelli economici e legati al turismo reso possibile dall’enorme patrimonio culturale materiale e immateriale presente su tutto il territorio. Per questo motivo la candidatura di Ascoli per il primo cittadino risulta un motivo d’orgoglio per tutta la regione.

Sono questi, dunque, i motivi che hanno spinto Montalto a sostenere la candidatura di Ascoli. Ricordiamo, infatti, come anche Matera, dopo la nomina di capitale della Cultura, divenne  una grande meta turistica per studenti e non di tutto il mondo.