Home News Un canguro in piscina? Scappato dagli incendi, trova rifugio in questa casa

Un canguro in piscina? Scappato dagli incendi, trova rifugio in questa casa

CONDIVIDI

In Australia il caldo continua a non dar tregua e le foto di un canguro che cerca refrigerio in piscina diventano virali

canguro
canguro

Cosa ci fa un canguro in piscina? In Australia la situazione degli incendi non pare migliorare, ma almeno giungono delle immagini che sono in grado di sdrammatizzare la situazione, facendoci però riflettere.

Il protagonista di questa storia è un canguro che stremato dal caldo che ha deciso di trovare refrigerio nella piscina di una casa nella regione che è stata devastata dagli incendi.

Le immagini del canguro che fanno riflettere

Nel video possiamo vedere il canguro seduto tranquillamente in ammollo, appoggiato al bordo della piscina. Sembrava un uomo qualunque, che guardava in camera, mentre si godeva il bagno. Quest’immagine inizialmente fa ridere ma dovrebbe in realtà farci riflettere su quanto si grave la situazione degli incendi. Il canguro è stato filmato dalla famiglia proprietaria della piscina. La temperatura ha raggiunto i 42° e da qui si capisce il canguro che ha cercato di rinfrescarsi. La famiglia stessa ha diffuso il video che ritrae l’animale.

Secondo i dati che sono stati raccolti, gli incendi hanno distrutto oltre 3,7 milioni d’ettari di foreste, ucciso sei persone e tantissimi animali.

Purtroppo gli animali più colpiti sono i koala, le volpi volanti, i canguri, i formichieri spinosi o cacatua della cresta gialla. Ha fatto il giro la foto scattata da Bill Wallace di un volatile morto ai piedi di un albero.

Anche la storia del koala Lewis, che nonostante sia stato salvato, non ha superato il ricovero. Circa un terzo dell’habitat dei koala è stato distrutto dalle fiamme. Walkabout Wildlife Park ha un rifugio, che è stato evacuato salvando 300 koala dalle fiamme che si stavano avvicinavano. Tassin Barnard direttore operativo del parco

“Siamo stati fortunati a scampare il pericolo degli incendi, per questo abbiamo deciso di evacuare il rifugio”