Home News Campania, dal 24 novembre torna la didattica in presenza per asili e...

Campania, dal 24 novembre torna la didattica in presenza per asili e prima elementare

CONDIVIDI

La regione, che da domenica 15 novembre diventa zona rossa, ha scelto la prosecuzione della didattica a distanza per gli altri ordini e gradi.

scuola Campania

Sul personale docente e sugli studenti saranno effettuati screening su base volontaria.

Torna la didattica in presenza per asili e prima elementare in Campania

La decisione è arrivata questo pomeriggio dall’unità di crisi della regione Campania: da martedì 24 novembre torna la didattica in presenza per la scuola dell’infanzia e la prima elementare.

Dopo l’annuncio della zona rossa che partirà domani, 15 novembre, il tema tanto dibattuto della didattica sembra aver trovato una linea di accordo.

Come riferisce anche Fanpage, quindi, da martedì 24 novembre dovrebbe riprendere la scuola in presenza per asili e prima elementare. Per i restanti ordini e gradi, prosegue invece la didattica a distanza.

“L’unità di crisi regionale all’unanimità ha deciso di dover confermare la didattica a distanza per gli ordini e gradi scolastici diversi”

si legge nella nota diffusa dalla regione.

Sul personale scolastico, sui docenti e sugli alunni saranno effettuati screening su base volontaria.

La Campania diventa zona rossa

Da domani, intanto, la Campania diventa zona rossa, come deciso venerdì. Stessa sorte anche per la Toscana. Saranno quindi vietati gli spostamenti tra province, da una regione all’altra ed anche all’interno del proprio comune, se non per motivi di comprovata necessità, quindi salute e lavorativi.

Bar e pasticcerie potranno effettuare soltanto servizio di asporto fino alle 22. Restano aperte farmacie, parafarmacie, tabaccherie, barbieri e parrucchieri. Chiusi invece i centri estetici.

Sospese tutte le competizioni sportive salvo quelle riconosciute da CIP e Coni. Chiusi anche mostre e musei. Serrande abbassate anche per palestre, sale bingo, attività di sale giochi.

I mezzi di trasporto continueranno a circolare, tenendola capienza del 50%.