Home Spettacolo Brumotti, brutale aggressione a Tor Bella Monaca: pugni e sputi per l’inviato...

Brumotti, brutale aggressione a Tor Bella Monaca: pugni e sputi per l’inviato di Striscia la notizia

CONDIVIDI

Striscia La Notizia, paura per Vittorio Brumotti: aggredito durante un servizio per il TG satirico, ecco come sta ora l’inviato

Vittorio Brumotti aggredito
Vittorio Brumotti, inviato di Striscia La Notizia

Il noto inviato di Striscia La Notizia, Vittorio Brumotti, è stato aggredito durante le riprese di un servizio televisivo contro lo spaccio di droga a Tor Bella Monaca: ecco come sta ora.

Striscia La Notizia, Vittorio Brumotti aggredito a Tor Bella Monaca

Da circa un mese è tornato su Canale 5 Striscia La Notizia un programma televisivo ideato da Antonio Ricci, in onda dal lunedì al sabato nella fascia serale. Come in ogni edizione, il TG satirico si impegna con inchieste e servizi che hanno lo scopo di affrontare i problemi che affliggono il nostro Paese.

Tra gli inviati più amati della trasmissione vi è, senza alcun dubbio, Vittorio Brumotti che da ormai diversi anni si occupa delle piazze di spaccio dell’Italia. L’ultimo servizio l’ha realizzato a Tor Bella Monaca, borgata periferica orientale di Roma.

Nel pomeriggio di lunedì, il conduttore ligure è stato aggredito mentre registrava un servizio televisivo contro lo spaccio di droga nella periferia romana. Stando agli ultimi aggiornamenti, l’uomo è stato minacciato e picchiato da dei pusher: ecco come sta ora.

Le condizioni dell’inviato del TG satirico

Secondo quanto riportato da Striscia La Notizia, Vittorio Brumotti è stato vittima di uno spiacevole episodio durante le riprese di un servizio. Minacce, pugni e sputi per il noto inviato che è stato raggiunto da alcuni pusher della zona. Non è la prima volta che succede,infatti, a maggio di quest’anno è stato ricoverato in ospedale con una serie di traumi.

Per fortuna, nulla di grave per il noto conduttore ligure. In seguito alle diverse segnalazioni, le Forze dell’Ordine sono tempestivamente intervenute e hanno perquisito e portato in caserma gli spacciatori per accertamenti.