Home Cronaca Brindisi, aggredito con l’acido dalla moglie: muore dopo un mese in ospedale

Brindisi, aggredito con l’acido dalla moglie: muore dopo un mese in ospedale

CONDIVIDI

Non ce l’ha fatta il 52enne di Brindisi che il mese scorso era stato colpito con l’acido dalla moglie.

aggressione con l'acido, morto un 52enne

I due erano in auto, quando la donna gli gettò addosso dell’acido muriatico. Dopo un mese di agonia, l’uomo è morto all’ospedale Perrino di Brindisi.

L’aggressione in auto

Era lo scorso 3 agosto quando un uomo di 52 anni di Brindisi venne aggredito dalla moglie con dell’acido muriatico. I due erano fermi in auto, quando la donna mise in atto l’aggressione, gettando addosso al marito dell’acido utilizzato per sturare le tubature.

Il 52enne riuscì a scendere dall’auto e a chiedere aiuto in un negozio della zona. Alcuni passanti si fermarono a prestare soccorso e l’uomo fu trasferito all’ospedale Perrino di Brindisi.

Ustionato sull’80% del corpo, le condizioni dell’uomo si rivelarono sin da subito molto gravi.

All’arrivo delle forze dell’ordine, la moglie era ancora in auto. Anche la donna aveva necessitato dell’intervento dei sanitari per delle ustioni alle mani.

A riprendere tutta la scena dell’aggressione erano state le telecamere di sorveglianza delle attività commerciali limitrofe.

Dalle immagini, si vedevano chiaramente i due coniugi litigare animatamente, poi la donna estrarre la bottiglietta di acido dalla borsa e aggredire il marito. Nell’ultima sequenza si vede l’uomo, che a fatica, riesce a scendere dalla vettura per chiedere aiuto.

Il decesso dopo un mese di agonia

Il 52enne, vittima dell’aggressione con l’acido, è deceduto ieri all’ospedale Perrino, dov’era ricoverato dallo scorso mese di agosto.

Pare che i due non andassero molto d’accordo e, stando al racconto di alcuni familiari della coppia, sembra che la donna negli ultimi tempi soffrisse di una grave forma di depressione.

La bottiglia con l’acido l’aveva in borsa da diversi giorni e lo scorso 3 agosto ha deciso di agire, colpendo il marito. L’uomo lavorava come dipendente di una ditta di manutenzione di Bari.