Home Politica Brexit, cosa cambia dal 1 gennaio 2021: “Incoraggiamo ancora i migliori talenti”

Brexit, cosa cambia dal 1 gennaio 2021: “Incoraggiamo ancora i migliori talenti”

CONDIVIDI

Brexit entra nel vivo e ci saranno molti cambiamenti dal 1 gennaio 2020, con una campagna anche in italiano che invita i migliori talenti a prepararsi.

Brexit, cosa cambia dal 1 gennaio 2021: "Incoraggiamo ancora i migliori talenti"

Il 1 gennaio 2021 è vicino così come la Brexit che invita tutti i talenti a prepararsi perché le “frontiere saranno aperte”. Che cosa cambierà?

Cosa cambia dal 1 gennaio 2021

Nonostante la pandemia, i numeri dei contagi e le tante insicurezze, nel Regno Unito entra nel vivo l’uscita dall’Unione Europea e un nuovo modo di affrontare le cose. Il Governo inglese ha lanciato in queste ore una campagna a livello europeo e nelle varie lingue di competenza al fine di informare tutti i cittadini di come verrà svolta la regolarizzazione degli immigrati dal 1 gennaio 2021.

Tutto questo non rappresenta una porta chiusa bensì aperta, nella speranza che tanti giovani talenti possano trasferirsi – insieme alle loro competenze – nel Regno Unito il prima possibile.

Andando nello specifico – come evidenziano i media locali – la libera circolazione prevista come Unione Europea terminerà il 31 dicembre 2020 alle ore 23. Tutti i cittadini europei da quel momento non avranno più alcun diritto di lasciare il proprio Paese e trasferirsi in automatico nel Regno Unito.

Il sistema di immigrazione che viene introdotto nel nuovo anno sarà a punti, dando a tutti la possibilità di avere la cittadinanza a prescindere dal Paese di provenienza – età – ma dando priorità a tutte le persone con talento e competenze da trasferire.

Cosa dovranno fare i cittadini italiani?

Tutti i cittadini italiani che non vivono nel Regno Unito o che non hanno diritti espressi dal Withdrawal Agreement dovranno avere dei requisiti particolari richiedendo anche un visto passando dal nuovo sistema integrato per l’immigrazione.

La campagna verrà divulgata anche nel mese di dicembre così da informare tutti i cittadini dell’Unione Europea di quelle che saranno le nuove regole. La stessa la si può trovare sul sito web ufficiale del Governo Inglese.