Home Casi Benno Neumair lascia l’isolamento: trasferito in cella con altri due killer

Benno Neumair lascia l’isolamento: trasferito in cella con altri due killer

CONDIVIDI

Il giovane insegnante, che ha confessato di aver ucciso i suoi genitori, si trova in una cella del carcere di Bolzano con altri due killer.

Benno Neumair, trasferito cella

Intanto, la prima perizia effettuata da Emiliano Giardina ha confermato la versione di Benno Neumair che ha ricostruito gli ultimi istanti di Peter e Laura.

La perizia conferma la confessione di Benno

Li ha strangolati con una corda da arrampicata e poi ha gettato i loro corpi nel fiume Adige.

La prima perizia, svolta dal genetista Emiliano Giardina, su incarico del giudice per le indagini preliminari, conferma la versione di Benno Neumair ed il suo ruolo nel duplice omicidio dei genitori, Peter Neumair e Laura Perselli.

Nell’abitazione dei coniugi, scomparsi il 4 gennaio scorso, non sono state trovate tracce di sangue, ma tracce biologiche di Laura Perselli vicino all’ingresso, proprio dove Benno ha raccontato di averla uccisa.

Inoltre, sul ponte di Ischia Frizzi, dove qualche giorno dopo l’omicidio venne scoperta una macchia di sangue appartenente a Peter, è stata rilevata anche una traccia di Dna della moglie.

La corda da arrampicata con cui Benno ha ucciso i suoi genitori non è ancora stata ritrovata, così come il corpo di Peter, inghiottito dalle acque dell’Adige.

Benno Neumair lascia l’isolamento

Terminato il periodo di isolamento in carcere, Benno Neumair è stato trasferito in una cella della struttura penitenziaria di Bolzano, con altri due killer.

Si tratta dell’austriaco Johannes Beutel, che sta scontando una pena di 30 anni di reclusione per l’omicidio della moglie, Alexandra Riffeser ed il 25enne Lukas Oberhauser, che il 9 marzo dello scorso anno uccise a coltellate la sua ex, Barbara Rauch, 28 anni. 

Il primo uccise la moglie per motivi di gelosia, perché non accettava la crisi che il loro rapporto stava attraversando. La donna fu colpita con 40 coltellate.

Leggi anche –> Omicidio Faenza, inaugurato “Il giardino di Ilenia”: presente anche la figlia Arianna

Il secondo uccise la sua ex, che lo aveva già denunciato per stalking, colpendola con 30 coltellate.