Home Cronaca Auto sulla folla a Berlino, dramma e paura: quattro morti tra cui...

Auto sulla folla a Berlino, dramma e paura: quattro morti tra cui un neonato

CONDIVIDI

Auto sulla folla a Berlino che ha portato subito alla mente i tanti attentati degli ultimi tempi. Che cosa è successo?

Auto sulla folla a Berlino
Auto sulla folla a Berlino

Con una auto sulla folla a Berlino si riaccende la paura degli attentati e fa una strage, tra cui anche un neonato.

Che cosa è successo a Berlino?

Ci troviamo nella zona del Mitte, quando un Suv Porche piomba a tutta velocità salendo sul marciapiede nel centro della città tedesca, falciando i passanti senza fermarsi.

E’ successo ieri dopo le 19 nel cuore della cittadina tedesca che ha riacceso subito la paura per l’allarme attentati. Numerose le persone ferite e – come citano i media del posto – ci sarebbero quattro morti tra cui un neonato di pochi mesi.

Bild riferisce che la vicenda non dovrebbe essere legata al terrorismo, ma che il guidatore avrebbe semplicemente perso il controllo della sua auto a causa dell’alta velocità.

Un grave incidente sulla quale indagare, dove il guidatore – dopo aver compiuto la sua strage – si è schiantato contro il marcipiede.

Strade invase e passanti terrorizzati

La polizia afferma:

“pensiamo ad un incidente stradale. il conducente sembra essersi allontanato dalla strada e salito sul marciapiede…perdendo il controllo”

I tanti testimoni che hanno vissuto quegli attimi di terrore lo descrivono come un momento orribile, descrivendo – confermato anche dalla Polizia – sangue ovunque, vittime e pezzi d’auto per tutta la strada.

Vicino al conducente c’erano anche una donna e un bambino, tutti e tre feriti gravemente. Nell’impatto stradale ha perso la vita un neonato che era a passeggio con la nonna – anche lei morta falciata dalla folle auto.

La madre del piccolo è rimasta ferita insieme ad una terza persona di passaggio. Sul posto immediati i soccorsi, con 40 unità tra vigili del fuoco e militari che hanno subito ipotizzato ad un atto terroristico, per poi comprendere la situazione.