Home News Apple carbon free entro il 2030, il nuovo corso green dell’azienda

Apple carbon free entro il 2030, il nuovo corso green dell’azienda

CONDIVIDI

Apple ed il nuovo impegno per essere carbon free entro il 2030. Il nuovo corso green dell’azienda di Cupertino.

apple carbook free

Apple ha una svolta green inaspettata ed annuncia di diventare carbon free entro il 2030. Questo è l’impegno per ogni attività della società, partendo dalla produzione, alle forniture, alla distribuzione e ovviamente alla vita dei dispositivi.

La svolta green

Una novità per il settore tecnologico, soprattutto per un’azienda che negli anni ha spesso subito accuse di creare obsolescenza programmata nei suoi dispositivi. A spiegare questa nuova scelta è il CEO Tim Cook che completa l’inizio dei lavori per essere carbon neutral nelle operazioni internazionali:

 “questo nuovo piano significa che entro il 2030 ogni dispositivo Apple venduto sarà ad impatto climatico zero. Le aziende hanno la profonda opportunità di contribuire a costruire un futuro più sostenibile nato dalla nostra comune preoccupazione per il pianeta che condividiamo”

Il  CEO ha proseguito dicendo che quest’azione può essere l’inizio di una nuova era, che può portare a crescita economica e soprattutto posti di lavoro

“Con il nostro impegno verso la carbon neutrality, speriamo di essere quell’increspatura nello stagno in grado di creare un cambiamento molto più ampio”.

Nel piano decennale, la apple s’impegna nell’identificare come

  • ridurre l’uso di energia nelle sue strutture aziendali,
  • usare materiali a basse emissioni di carbonio
  • usare materiali riciclati nei propri dispositivi
  • innovare permettendo un miglior riciclo dei prodotti
  • investire per la piantumazione di foreste e in altre soluzioni naturali per eliminare la CO2 in eccesso
  • impegno concreto con i governi, le aziende, le Ong e i consumatori per dare sostegno alle politiche green di protezione e transizione verso l’energia pulita.
  • Impact Accelerator: investimenti in aziende green di forniture e nelle comunità che risentono molto dei rischi ambientali. Si parla di un piano 100 milioni di dollari