Home Spettacolo ‘Detesto le suore, le picchierei per strada’ Anna Mazzamauro, lo sfogo inaspettato...

‘Detesto le suore, le picchierei per strada’ Anna Mazzamauro, lo sfogo inaspettato in diretta accende la bufera

CONDIVIDI

Anna Mazzamauro si confessa in una lunga intervista a ‘I Lunatici’ celebre trasmissione di Radio 2. L’attrice romana rivela il suo trauma da bambina: ‘Le monache le picchierei’

anna mazzamauro trauma suore
Anna Mazzamauro

Dopo l’intervista a Emma Marrone a raccontarsi a ‘I Lunatici’, celebre programma di Radio2 condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio, la celebre attrice romana Anna Mazzamauro.

Passata alla storia come la ‘Signora Silvani’ in Fantozzi, l’attrice si è confessata ai radioascoltatori de i Lunatici, rivelando alcuni dettagli ‘traumatici’ della sua infanzia e del rapporto con i suoi genitori. Scopriamo di più.

Anna Mazzamauro, la confessione inaspettata a ‘I Lunatici’

Nell’arco della lunga intervista al celebre programma radiofonico, la ‘Signora Silvani’ si è raccontata a cuore aperto a partire dalla sua infanzia, soffermandosi su un periodo definito al quanto traumatico, quello scolastico.

L’attrice romana rivela di aver frequentato un istituto religioso, gestito da suore, per il suo essere estrosa e vivace, al fine di contenere questo suo modo di essere, troppo eccentrico, e mal visto dalla società di quei tempi:

‘Ho dei pessimi ricordi delle suore, orrendi’

esordice Anna Mazzamauro con amarezza, poi aggiunge:

‘Detesto le monache, non le posso vedere, quando le incontro per strada le picchierei’

senza aggiungere ulteriori dettagli.

Anna Mazzamauro: ‘I miei genitori pensavano volessi fare la bottana’

Scavando nel cassetto dei suoi ricordi, l’attrice romana ha rivelato che la sua famiglia non l’ha mai appoggiata nel suo sogno di diventare un’attrice, piuttosto questa, come la società di quei tempi consideravano una meretrice, qualunque donna volesse entrare a far parte del cinema.

Una concezione che per lungo tempo l’ha perseguitata, e l’ha fatta soffrire influendo negativamente sulle sue relazioni sociali:

‘Questa figlia che voleva fare la bottana da grande veniva vista male. Questo consideravano una ragazza che voleva fare l’attrice. Se avessero assecondato questa mia diversità, con calma e con amore, forse avrei sofferto di meno’

parla di diversità Anna Mazzamauro, un tema che le piacerebbe proporre al pubblico in uno spettacolo interamente scritto da lei:

‘Si chiama Belvedere. Vorrei proporre al pubblico il tema diversità, così da dare veramente un senso alla conquista che i diversi operano nel mondo’

conclude l’attrice.