Home Spettacolo Amici 20, Rudy Zerbi prende in giro Arisa: “Se vuoi prendi un...

Amici 20, Rudy Zerbi prende in giro Arisa: “Se vuoi prendi un bicchiere d’acqua”

CONDIVIDI

Un’ennesima litigata tra Rudy e Arisa, interviene anche Anna Pettinelli che difende la sua collega.

I due professori sono perennemente in disaccordo.

Arisa attaccata di nuovo da Rudy

L’atmosfera di questa nuova puntata di Amici 20 non è delle migliori, infatti è subito iniziata con il botto con la lite tra Arisa e Rudy Zerbi.

I due non troveranno mai un punto d’incontro, dato che sono sempre in disaccordo su qualsiasi cosa, come anche le maestre Alessandra Celentano e Lorella Cuccarini.

Il motivo per il quale Arisa è stata attaccata è per l’allievo Raffaele.

Nei giorni scorsi Zerbi ha detto che ha trovato noiosa l’esecuzione del ragazzo.

Oggi, dopo la performance di Raffaele, Rudy ha ribadito che non ama l’allievo.

Mentre Arisa ha ammesso di essersi emozionata per l’esibizione di Raffaele e gli ha fatto anche tanti complimenti.

Quando Rudy si è accorto dell’emozione della sua collega, l’ha punzecchiata dicendo:

“Tu hai gli occhi colmi di lacrime, lui invece è impassibile. Se vuoi prendi un bicchiere d’acqua. Tu sei emozionata e lui no”. 

Arisa risponde per le rime

Arisa sostiene che Raffaele deve fare due fatiche: la prima è quella di studiare e la seconda è quella di sopportare Rudy Zerbi con i suoi estenuanti attacchi.

La cantante e maestra Arisa ha risposto con un tono molto duro dicendo al collega: 

 “Se mentre uno canta ti alzi e te ne vai manchi di rispetto”

Ha anche difeso il suo allievo Raffaele con una frase molto divertente:

“Non si può piacere a tutti. Senno ti chiamavi Nutella”.

Questa discussione è andata avanti per un po’ di minuti, durante la lite Zerbi ha anche preso in giro la cantante Arisa, dicendo:

“SEI QUASI DISTRUTTA, HAI LE LACRIME. TI PORTERAI QUEST’EMOZIONE PER TUTTA LA PUNTATA? SE VUOI CI FERMIAMO UN ATTIMO”.

La collega non dato importanza alle parole di Rudy, ma in quel momento ci ha pensato Anna Pettinelli, ricordando che ognuno ha la propria sensibilità.