Home Cronaca Allarme dei pediatri a Roma: città troppo sporca, in aumento le infezioni...

Allarme dei pediatri a Roma: città troppo sporca, in aumento le infezioni nei bambini

CONDIVIDI

È allerta dei pediatri a Roma: capitale sporca e infezioni in aumento nei bambini. Città invasa da ratti e insetti

roma

Crescono le infezioni nei bambini che vivono a Roma: è l’allarme lanciato dai pediatri a Roma.

Allerta dei pediatri

È allerta dei pediatri nella capitale: una città troppo sporca che starebbe provocando un aumento delle infezioni nei minori. È quanto denunciano i pediatri di Roma, secondo cui i bambini si ammalerebbero di più, viste le pessime condizioni igieniche in cui versa la città.

Un vero e proprio allarme quello lanciato dai medici e che riporta nuovamente la capitale alla ribalta per immondizia, sporco e incuria. I palazzi sono invasi da ratti e scarafaggi e gli amministratori sono stati costretti ad effettuare diverse disinfestazioni per liberarsi degli “ospiti” poco graditi.

Negli ultimi 2 anni le patologie e infezioni correlate ad una scarsa igiene sono cresciute del 20%, stando a quanto rilevato dalla Federazione Italiana Medici Pediatri.

Un salto tra i sacchetti d’immondizia, come fosse una corsa ad ostacoli, quella che i piccoli cittadini della capitale devono fare ogni giorno per percorrere le strade della città.

Parchi infestati dai ratti e condomini invasi da insetti di ogni tipo: è quanto denunciano gli stessi pediatri e l’associazione degli Amministratori.

L’intervento del Comune

L’Authority per l’infanzia e l’adolescenza della regione ha denunciato da tempo le condizioni di scarsa igiene in cui versa la capitale. Lo stesso sindaco, virginia Raggi, ha ammesso l’esistenza di criticità igieniche nei pressi degli istituti scolastici.

Una situazione che, almeno per ora, non sembra essere vicina ad una soluzione. Cassonetti maleodeoranti e un terzo delle strade sporche e piene di rifiuti. La pulizia ordinaria non riesce più a tenere il passo con le criticità del Comune di Roma. A quanto pare, in questa, come in altre situazioni, i primi a farne le spese sarebbero proprio i bambini.