Home News Due alimenti pericolosi tolti dalla distribuzione per rischio chimico

Due alimenti pericolosi tolti dalla distribuzione per rischio chimico

CONDIVIDI

Due tipologie di prodotti pericolosi sono stati ritirati dal commercio per rischio chimico: scopri i dettagli e come riconoscerli subito.

carrello al supermercato – iStock

Il Ministero della Salute ha comunicato il ritiro dai supermercati di due tipologie di prodotti contaminati: la motivazione è rischio chimico. Per tutelare la sicurezza e la salute dei consumatori le autorità competenti ne hanno immediatamente indetto il ritiro.

Ecco tutti i dettagli per scoprire quali sono i prodotti che il Ministero della salute ha tolto dal commercio.

Semi di sesamo contaminati

Il Ministero della Salute ha pubblicato nella giornata di ieri, 30 novembre 2020, la notifica di ritiro alimentare di un prodotto contaminato. Il prodotto protagonista del ritiro è nuovamente il sesamo: Semi di sesamo Bio è la denominazione di vendita.

Il marchio produttore dei semi di sesamo e lo stabilimento produttore coincidono: è Molino Rossetto. Lo stabilimento produttore è situato in Via Strada dei Pescatori 4/6 – 35020 Codevigo.

I semi sono venduti nei negozi alimentari in confezioni plastificate da 200g l’una con codice EAN 08018211900493.

Per riconoscere i prodotti facilmente è utile leggere i codici sui pacchetti. I codici identificativi dei lotti sottoposti al ritiro sono i seguenti: L20 073, L19 313, L19 333.

Grazie ai codici dei lotti apposti sulla confezione potrete facilmente riconoscere i prodotti. Le date di scadenza o termine minimo di conservazione sono: 13/04/2021, 09/12/2020, 29/12/2020.

Il motivo del richiamo è la presenza di ossido di etilene, una sostanza tossica che nuoce alla salute dell’organismo umano. L’ossido di etilene è stato riscontrato in altri prodotti in commercio durante gli ultimi mesi.

Olio di semi di sesamo pericoloso

Oltre al ritiro dei semi di sesamo Bio sono stati tolti dalla commercializzazioni diversi lotti di olio di semi di sesamo, di diverse marche, sempre per contaminazione chimica.

È specificato che la presenza di ossido di etilene rilevata dalle analisi è al di sopra del limite consentito dalla legge e che per nessuna ragione tale olio si può ritenere adatto alla consumazione. Si consiglia quindi di riportarlo al negozio per richiedere un rimborso oppure una sostituzione prodotto.

Le marche coinvolte

Ecco i marchi di olio di semi coinvolti nel ritiro alimentare pubblicato nella giornata di ieri 30 novembre 2020 sul portale web del Ministero della salute. Il produttore è comune a tutti i marchi sotto elencati ed è Joe & Co Srl:

  • Yes Organic. Numeri identificativi dei lotti sono L16086323, L16086007 e L16079020. Le date di scadenza invece sono 18/05/2021, 07/07/2021 e 20/07/2021. Venduto in bottiglie di vetro da mezzo litro.
  • Germinal. Commercializzato a nome di GERMINAL ITALIA SRL. Il codice identificativo del lotto è L11565034, la data di scadenza è 03/08/2021 e viene venduto in bottiglie di vetro da 250 ml. Lo stabilimento produttore è situato in VIA DELLA TECNICA, 94 – CAMISANO VICENTINO.
  • Fior di Loto. Commercializzato a nome BV&FDL SR. I due lotti ritirati sono L34449008 e L34449325 venduti in bottiglie di vetro da mezzo litro. I TMC impressi sulle bottiglie di olio sono 08/07/2021 e 21/05/2021. La sede dello stabilimento produttore è sempre in VIA DELLA TECNICA, 94 – CAMISANO VICENTINO.
  • Crudolio. I codici identificativi dei lotti ritirati sono L12572322 e L12422062. La data di scadenza apposta sulla bottiglia è 18/05/2021 e 02/09/2021. Venduto nei negozi in bottiglie di vetro da mezzo litro.
  • Bene Bio. Commercializzato a nome di BENE BIO, CORSO VINZAGLIO 16- TORINO. Il codice del lotto ritirato è L30160007 mentre la data di scadenza è 07/07/2021. L’olio è venduto in bottiglie da 250ml l’una.