Home News Alex Zanardi “Notevoli progressi, primi segni di interazione”: l’ultimo bollettino

Alex Zanardi “Notevoli progressi, primi segni di interazione”: l’ultimo bollettino

CONDIVIDI

Arrivano buone notizie dall’ospedale San Raffaele di Milano, dove il campione paralimpico è ricoverato dallo scorso 24 luglio, dopo l’incidente in handbike.

bollettino alex zanardi

Nei prossimi giorni Alex Zanardi sarà sottoposto ad un nuovo intervento cranio-facciale. Il comunicato dell’ospedale.

Le analisi sul manto stradale

Era il 19 giugno scorso quando Alex Zanardi, ex pilota di Formula 1, rimase vittima di un drammatico incidente in handbike, mentre partecipava alla staffetta di Obiettivo 3.

Il campione perse il controllo della sua bici e finì contro un camion che proseguiva in direzione opposta. Le sue condizioni apparsero sin da subito molto gravi. Trasferito all’ospedale Le Scotte di Siena, dove ha poi subito 3 operazioni d’urgenza, Zanardi nel mese di agosto è stato poi ricoverato a Villa Beretta.

Dopo 3 giorni da quel trasferimento, visto l’aggravarsi delle sue condizioni, ne è stato disposto il trasferimento all’ospedale San Raffaele di Milano, nel reparto di terapia sub-intensiva.

Lo scorso 16 settembre è stata depositata la perizia sulle condizioni del manto stradale e dell’handbike di Zanardi. Nessuna lesione alla strada né alla bici: è quanto si evicne dalla bici. Quindi, almeno dai primi risultati, quanto accaduto al campione sarebbe da addebitare ad un errore umano.

Le ultime novità sulle condizioni del campione

Notizie incoraggianti arrivano dall’ospedale San Raffaele di Milano. Come riferisce anche La Repubblica, il campione ha subito un primo intervento cranio-facciale nei giorni scorsi. Ad eseguirlo il professor Mario Bussi. Nelle prossime settimane è previsto un secondo intervento che sarà eseguito dal professor Pietro Mortini.

“Alex Zanardi è sottoposto a sedute di riabilitazione cognitiva e motoria, con somministrazione di stimoli visivi e acustici, ai quali il paziente risponde con transitori e iniziali segni di interazione con l’ambiente”

fanno sapere dall’ospedale.

“A fronte di questi progressi significativi, i medici ribadiscono, comunque, il permanere di un quadro clinico generale complesso, sulla cui prognosi è assolutamente prematuro sbilanciarsi”

prosegue il bollettino del nosocomio lombardo.

Nei giorni scorsi il dottor Costa, grande amico del campione, ha riacceso le speranze, che ha parlato di miglioramenti e risposte agli stimoli esterni, confermate anche nell’ultimo bollettino del San Raffaele.