Home Spettacolo Alberto Matano non si nasconde più: una persona speciale al suo fianco

Alberto Matano non si nasconde più: una persona speciale al suo fianco

CONDIVIDI

Finalmente il presentatore ha confessato di non essere più disponibile su piazza: il suo cuore è impegnato da una persona speciale.

Per molto tempo, il gossip ha ruotato intorno alla vita privata di Alberto Matano, giornalista e conduttore di La vita in diretta sulla Rai.

Alberto Matano, non è singile?

Riservato, educato e professionale, Alberto non ha mai proferito verbo sulla sua vita affettiva.

In una recente, intervista, però, si è sbottonato un po’ di più e ha raccontato qualche dettaglio della sua sfera privata. E pare che non sia single

Alberto Matano, è single o no?

Non sappiamo molto della vita privata di Alberto Matano, giornalista RAI e conduttore de La vita in diretta.

Per molto tempo, ha incuriosito il gossip nostrano che si è ripetutamente chiesto se il giornalista avesse una relazione o meno o si dedicasse esclusivamente al lavoro.

In una recente intervista a La Stampa, il conduttore del noto programma televisivo, ha rivelato qualche dettaglio in più sulla sua sfera privata.

Ecco le sue parole al riguardo:

Non sono single, è fondamentale ritagliarsi degli spazi propri. Famiglia, punti di riferimento, affetti importanti. Trovo spazio per i nipoti che crescono, per i genitori a Catanzaro, per la mia vita affettiva. Se non stacchi, muori“.

Una delle rarissime volte in cui il conduttore ha ammesso di avere nella vita una persona speciale.

Alberto, quando Luciana Littizzetto lo chiamò “gran figo”

Luciana Littizzetto definì Alberto Matano “un gran figo” e, da allora, in Rai lo chiamano “Presidente”. Da allora, la comica e attrice espresse la volontà di conoscerlo e così fu.

Dopo andai a Che tempo che fa per incontrare Luciana con un mazzo di fiori, mai immaginando che quei due episodi avrebbero acceso un faro su di me“.

Un incontro importante e fortunato che cambiò la vita del giornalista: “Di ritorno da Milano, scendendo dall’aereo, accesi il telefono, avevo migliaia di messaggi. Due mesi dopo conducevo il tg delle 20“.