Home Spettacolo Alba Parietti a “Vieni da me”: “Ho fatto una cosa orribile..”...

Alba Parietti a “Vieni da me”: “Ho fatto una cosa orribile..” la confessione choc

CONDIVIDI

Alba Parietti ospiete nello studio di “Vieni da me” condotto da Caterina Balivo, la confessione choc: ” Ho fatto una cosa terribile”

Alba Parietti  è stata l’ospite speciale della puntata di “Vieni da me” condotto da Caterina Balivo. Un intervista piena di ricordi struggenti che ha ridotto la bellissima show girl in lacrime.

Il dolore di Alba Parietti

E’ stata proprio la domanda di Caterina Balivo a scatenare le lacrime e i ricordi di Alba: Il ricordo più doloroso di quest’anno? Alba ha subito risposto alla domanda che le ha provocato un forte dolore. Il ricordo più doloroso di quest’anno per la bella show girl è il suo cane. La donna ha fatto fatica a ricordare e tra le lacrime ha risposto:

ho dovuto fare una cosa orribile, al tempo stesso, un vero gesto d’amore».

Alba con questa frase ricorda il suo dolcissimo cane Tato scomparso proprio poco tempo fa. La show girl, infatti ha raccontato che il suo dolore è dovuto proprio al ricordo del suo cane che purtroppo è andato via a causa di una malattia. Alba inoltre, ha anche specificato che Tato ha sofferto tantissimo e la showgirl, insieme alla famiglia, ha dovuto prendere una decisione dolorosa, ovvero quello di porre fine alle sofferenze di Tato.

Il dolcissimo cagnolino di Alba se ne è andato via dopo l’eutanasia. La donna ha dovuto prendere una decisione molto difficile, ma lo ha fatto per evitare che il suo cane soffrisse ancora di più.

Alba Parietti e il rapporto turbolento con il figlio.

Alba Parietti ha sempre detto di essere una mamma molto apprensiva  e protettiva con il figlio , sin da quand’era piccolo Il suo atteggiamento però troppo invasivo, ha portato la show girl a freddare il rapporto con il figlio:

«Sì, abbiamo litigato, come fanno sempre genitori e figli. Io sono una madre molto presente e un po’ rompiscatole, lui si sentiva il fiato sul collo, io mi sentivo la mamma sedotta e abbandonata»