Home Salute & Benessere Acne: cosa stanno cercando di comunicarti i tuoi brufoli

Acne: cosa stanno cercando di comunicarti i tuoi brufoli

CONDIVIDI

Ci sono donne che continuano ad avere brufoli anche oltre l’età adolescenziale: ecco l’acne quando può riapparire e cosa ti dice sulla tua salute

Acne, cosa dicono i brufoletti sulla tua salute
Acne

“Non sono più un adolescente, perché ho ancora l’acne?”: questa è una domanda che sentiamo ogni giorno e che – forse – ognuno di noi si è posto, almeno una volta, nella vita. La verità è che è abbastanza comune constatare che l’acne persista anche nell’età adulta. Sebbene l’acne sia comunemente considerata un problema dell’adolescenza, può emergere in persone di tutte le età.

L’acne dell’adulto ha molte somiglianze con l’acne dell’adolescente per quanto riguarda sia le cause che i trattamenti. Ma ci sono alcune qualità uniche nell’acne che sopraggiunge in là negli anni.

Quali sono le cause dell’acne in età adulta?

L’acne dell’adulto, o l’acne post-adolescenziale, è l’acne che si manifesta dopo i 25 anni. Per la maggior parte, gli stessi fattori che causano l’acne negli adolescenti sono presenti anche nell’acne adulta.

I quattro fattori che contribuiscono direttamente all’acne sono: produzione di sebo in eccesso, pori otturati da cellule, batteri e infiammazione.

Ci sono anche alcuni fattori indiretti che influenzano i suddetti fattori diretti, tra cui:

• ormoni
• stress e ciclo mestruale nelle donne
• prodotti per capelli
• prodotti per la cura della pelle e trucco, che possono ostruire i pori
• dieta, che può influenzare l’infiammazione in tutto il corpo.

Alcuni farmaci, tra cui corticosteroidi, steroidi anabolizzanti e litio, possono avere un ruolo nell’insorgenza dell’acne.

Molti disturbi della pelle, compresa l’acne, possono essere una finestra su una condizione sistemica.

Ad esempio, la perdita di capelli, l’eccessiva crescita di peli, cicli mestruali irregolari o un rapido aumento o perdita di peso in aggiunta all’acne o una rapida insorgenza dell’acne senza precedenti, possono essere tutte bandiere rosse di una malattia di base, come la Sindrome dell’ovaio policistico o altri disturbi endocrini. Informi il medico se si verificano ulteriori sintomi; lui o lei può raccomandare un’ulteriore valutazione.

Acne, brufoli: cosa rivelano

Come posso evitare questi sfoghi della pelle?

Come la maggior parte delle cose nella vita, l’acne non è sempre completamente sotto il proprio controllo. Ci sono, tuttavia, alcuni suggerimenti chiave che offriamo per aiutare a prevenire sfoghi:

• Non andare mai a letto con il trucco;
• Controlla le etichette: quando acquisti prodotti cosmetici e per la cura della pelle, cerca sempre i termini “non comedogenico”, “senza olio” o “non ostruisce i pori”;
• Evitare oli per il viso e prodotti per capelli che contengono olio;

Alcuni brufolie non sono – in realtà – acne ma cambiamenti post-infiammatori del pigmento da precedenti lesioni dell’acne o di brufoli. Spalma una crema solare con SPF 30+ ogni giorno, con pioggia o sole, per prevenire lo scurimento di questi punti.

Vi sono alcune prove che specifici cambiamenti nella dieta possono aiutare a ridurre il rischio di acne.

Ad esempio, una meta-analisi di 14 studi osservazionali che ha incluso quasi 80.000 bambini, adolescenti e giovani adulti ha mostrato un legame tra i prodotti lattiero-caseari e un aumentato rischio di acne. E alcuni studi hanno collegato alimenti ad alto indice glicemico (quelli che causano un aumento più rapido dei livelli di zucchero nel sangue) e l’acne.