Home Cronaca Aci Castello, padre tenta di accoltellare il figlio disabile: “Mi spiace non...

Aci Castello, padre tenta di accoltellare il figlio disabile: “Mi spiace non averlo colpito di più”

CONDIVIDI

L’uomo, 90 anni, è stato arrestato con l’accusa di tentato omicidio. Il figlio non avrebbe assunto dei medicinali, il che ha scatenato la furia del padre.

padre accoltella figlio

Ad accorrere in aiuto è stato il genero dell’uomo, che ha allertato immediatamente i soccorsi. L’anziano è finito ai domiciliari a casa di un’altra figlia, che si è detta disponibile ad accoglierlo.

Dramma familiare ad Aci Castello

Una lite tra padre e figlio che rischiava di finire in tragedia quella registrata nella tarda serata di domenica ad Aci Castello, nel catanese.

Un uomo di 90 anni ha cercato di uccidere il figlio di 46 anni a coltellate. A fermarlo è stato il genero della vittima, che ha immediatamente allertato i Carabinieri.

I militari dell’Arma in pochi minuti sono giunti nell’abitazione di Aci Castello ed hanno fermato il 90enne, che ai carabinieri avrebbe anche detto:

“Mi dispiace di non averlo potuto colpire più volte”.

Una dichiarazione che confermerebbe le sue intenzioni.

La causa della violenta lite

A quanto sembra, il 46enne, che soffre di disturbi mentali, non avrebbe voluto assumere un medicinale che gli era stato prescritto per tenere sotto controllo la sua malattia.

Questo avrebbe scatenato la furia del padre, che ha impugnato un coltello e lo ha colpito.

Il 46enne è stato soccorso e trasferito in ospedale, a Cannizzaro, ma le sue condizioni non sono preoccupanti.

Il padre è stato arrestato, ma vista la sua età avanzata sono stati disposti per lui gli arresti domiciliari a casa di un’altra figlia.

Le condizioni del 46enne non desterebbero particolare preoccupazioni, la prognosi è di 30 giorni.

Stando a quanto hanno riferito i vicini di casa, tra padre e figlio spesso scoppiavano violente liti, che il genero prontamente mitigava sul nascere.

Questa volta l’anziano avrebbe approfittato di un attimo di distrazione dell’uomo per colpire il figlio.