“Mio papà mi chiedeva i soldi”, l’amaro retroscena dell’amatissimo vip italiano

Un amatissimo personaggio dello spettacolo italiano ha rivelato un retroscena sulla sua famiglia che ha sconvolto tutti quanti. Ecco le parole del vip.

Teo Teopoli
Le rubava i soldi – Letttoquotidiano.it

Nel mondo dello spettacolo sono tanti i protagonisti che sono riusciti a farsi amare in modo davvero viscerale dal pubblico riscuotendo un enorme successo e una stima che è durata nel corso degli anni.

Molto spesso, queste celebrità si trovano a proprio agio sul palco e fanno dell’affetto del pubblico il loro miglior riconoscimento rendendola anche un’arma contro alcune avversità della vita.

Il retroscena del noto personaggio

La maggior parte di questi vip, specie quelli che hanno avuto successo in passato, hanno passato un periodo non bello della loro vita, fatta di complicazioni per via delle situazioni economiche della loro vita e dei rapporti difficili con i loro genitori.

Per questo motivo, essere diventati quello che sono adesso li rende molto umili e non finiscono mai di ringraziare il loro pubblico per averli onorati della loro attenzione cercando di mettercela tutta in ogni cosa che fanno.

Uno di questi che nel corso degli anni, nonostante sia da qualche anno assente dal mondo della televisione, ha conquistato tutti gli italiani è il cabarettista, attore, conduttore e cantante Teo Teocoli.

Teo Teocoli e la verità sul suo passato
Teo Teocoli – LettoQuotidiano.it

Il suo esordio nel mondo dello spettacolo avviene da giovane quando comincia a intraprendere la carriera di cantante in alcuni locali di Milano nonostante sia nato in Puglia a Taranto.

Inizialmente ottiene un contratto discografico e si fidanza con Wilma Goich per poi entrare a far parte del musical Hair adattato in italiano dove nel cast si ritrova con Renato Zero, Loredana Bertè e altri personaggi celebri.

Durante la sua carriera da cantante riesce a entrare a far parte del Derby di Milano debuttando come cabarettista e conoscendo suoi colleghi tra i quali Massimo Boldi, Renato Pozzetto, Giorgio Faletti, Mauro Di Crescenzo ed Enzo Jannacci.

Con quest’ultimo crea un legame particolare a tal punto che il cantautore diventa autore del brano Il dritto che ricalca il suo passato descrivendo come si sentiva e com’era quando abitava in una casa popolare.

Teo Teocoli e la verità sul suo passato
Artista – LettoQuotidiano.it

Nel 1973, Teocoli debutta in televisione e dal quel momento in poi comincia per lui una florida carriera televisiva che lo vede anche salire come conduttore sul palco del 50° Festival di Sanremo presentato da Fabio Fazio nel 2000 assieme anche a Luciano Pavarotti.

La rivelazione di Teo Teocoli

Successivamente conduce alcuni programmi in Mediaset tra cui Scherzi a Parte e nel 2009 sale sul palco del Teatro Ariston per duettare, solamente nella serata duetti, con Alexia e Mario Lavezzi nel brano Biancaneve.

Nel 2014 invece, partecipa a Ballando con le Stelle, in coppia con Natalia Titova per poi ritirarsi per via di alcuni problemi fisici e dopo quel momento la sua presenza in tv diventa sempre più rara.

Grazie al suo talento ha dato vita a tantissimi personaggi immaginari tra cui il più famoso Felice Caccamo, giornalista sportivo napoletano e Zobeide, travestito presente nel film Papà Dice Messa.

Teo Teocoli e la verità sul suo passato
Teo Teocoli nei panni di Felice Caccamo e Zobeide – LettoQuotidiano.it

In una recente intervista rilasciata a Il Corriere Della Sera, Teocoli, il cui vero nome è Antonio, ha rivelato qualcosa che non aveva mai raccontato riguardo il rapporto con suo padre.

“Mamma cuciva in sartoria. Papà non lavorava e non si vedeva mai, meglio perché quando arrivava mi picchiava di brutto, il classico padre-padrone.Papà veniva spesso in teatro, soprattutto in camerino, a chiedermi soldi. E io pronti, l’accontentavo. Era pur sempre mio padre

Nonostante abbia subito da suo padre alcuni maltrattamenti, Teo Teocoli non se l’è sentita di rifiutare la sua richiesta quando si è ritrovato a rivederlo dietro le quinte durante i suoi spettacoli e a chiederli del denaro. Segno che nonostante tutto, l’artista, si è sempre mostrato un uomo dall’animo nobile e riconoscente.