Le regole del ritorno a scuola: dal distanziamento alle mascherine, ecco tutte le novità

Dopo le vacanze estive si torna in classe e in merito al rientro in classe sono state delineate le norme, che prevedono anche contromisure in caso di peggioramento della situazione.

Rientro a scuola
Rientro a scuola – LettoQuotidiano.it

Le indicazioni sono contenute in un documento realizzato dall’Iss con la collaborazione del Ministero della Salute e quello dell’Istruzione.

Le regole del ritorno a scuola

L’Istituto superiore di sanità ha stilato un documento che molti aspettavano, ossia quello in cui vengono chiarite le norme del rientro in classe per limitare i contagi da Covid.

La situazione emergenziale purtroppo è tutt’altro che alle spalle e bisogna comportarsi adeguatamente per scongiurare nuovi focolai e misure del passato come le lezioni a distanza.

Tuttavia, se la situazione dovesse peggiorare anche con le misure descritte nel documento realizzato con la collaborazione dei Ministeri della Salute e dell’Istruzione, nonché delle Regioni e delle Province autonome, ci saranno delle contromisure.

Con oltre un mese di anticipo rispetto alla data in cui gli studenti si preparano a tornare a scuola, il documento è stato pubblicato per informare in merito alle regole Covid per la scuola, attorno a cui c’erano molti punti di domanda da sciogliere.

Alunna e insegnante
Alunna e insegnante – LettoQuotidiano.it

Le norme riportate sono basate su un doppio livello, ossia da un lato c’è un’adeguata preparazione per il ritorno a scuola, dall’altro l’attivazione delle contromisure se necessario.

Le regole

Il documento può essere visionato nella sua interezza sul sito dell’Iss e riguarda l’anno scolastico 2022-23 per le scuole del primo e del secondo ciclo di istruzione.

Il testo si concentra su mascherine, distanziamento e areazione degli ambienti, proponendo misure standard di prevenzione per l’inizio dell’anno scolastico, che tengono in considerazione il quadro attuale.

Ci sono poi degli interventi ulteriori che verranno modulati progressivamente in base alla valutazione dei rischi, specie in previsione di un peggioramento del quadro epidemiologico.

Per quanto riguarda i provvedimenti base, cioè quelli attivi dal primo giorno del rientro in classe, il documento individua come misure preventive: la permanenza a scuola solo se non si hanno sintomi riconducibili al Covid e ovviamente se non si è positivi, l’igiene delle mani e la protezione durante la tosse e gli starnuti, utilizzo della mascherina Ffp2 per il personale scolastico e gli alunni a rischio.

A questi comportamenti si aggiunge ovviamente la sanificazione di tutti gli ambienti accessibili da coloro che frequentano l’Istituto scolastico, questa deve essere effettuata sia in maniera periodica che straordinaria in caso di presenza di casi di positività.

Le classi e tutti gli ambienti devono essere bene areati.

Le contromisure

In caso di peggioramento della situazione, scatta la fase successiva e in merito, il documento indica alcune misure come: il distanziamento di almeno 1 metro, precauzioni nei momenti in cui c’è il rischio di assembramento, aumento delle operazioni di sanificazione di superfici e ambienti, mascherine Ffp2 in ogni momento.

Al fine di contenere i rischi si possono utilizzare terzi locali per laboratori, mense e altre attività.