Roma: dramma a Vigna Clara, anziano trovato morto in stato di decomposizione

La cronaca ci porta di nuovo a Roma, precisamente nel quartiere Vigna Clara verso il centro della città, dove un anziano è stato trovato morto.

Mano di anziano
Mano di anziano – LettoQuotidiano.it

Il cadavere era in stato avanzato di decomposizione e l’allarme è stato lanciato dai vicini di casa dell’uomo.

Macabro ritrovamento a Vigna Clara

Un sinistro ritrovamento è avvenuto oggi nel quartiere di Vigna Clara, nella zona centrale della Capitale, leggermente a nord.

Oggi, i Carabinieri, aiutati dai Vigili del Fuoco che sono intervenuti per sfondare la porta, hanno trovato il cadavere di un uomo anziano all’interno della sua abitazione in stato avanzato di decomposizione.

Proprio l’odore acre che si emanava fuori dalla casa, ha spinto i vicini a dare l’allarme, nessuno invece si era preoccupato della sua assenza.

Ora le forze dell’ordine hanno sequestrato il cadavere affidandolo all’obitorio e stanno procedendo ad ascoltare i vicini di casa e chiunque possa fornire elementi utili per capire cosa sia successo.

Secondo quanto emerso, l’anziano era malato da tempo e viveva in casa da solo. Da giorni non si avevano sue notizie ma nessuno pensava a una cosa del genere.

I primi che si sono insospettiti sono stati i suoi vicini di casa, poiché hanno sentito un forte odore provenire dall’appartamento e hanno temuto il peggio, quindi hanno subito allertato il 112 e gli agenti che sono sopraggiunti sul luogo hanno confermato le loro paure.

Intervenuto nell’abitazione di via Napoleone Colajanni dove abitava da solo, i sanitari hanno trovato una scena davvero drammatica, l’uomo infatti era senza vita.

Si trattava di un malato oncologico sulla cui salma, o almeno su ciò che ne rimane, ora i medici legali cercheranno di condurre i rilievi per capire se sia stata la malattia a ucciderlo oppure altri fattori.

L’anziano ha trascorso i suoi ultimi momenti di vita da solo, senza il conforto di nessuno.

L’intervento degli agenti e i casi simili

I Carabinieri, grazie alla segnalazione dei vicini di casa, hanno ritrovato l’anziano dopo circa 20 giorni dalla sua morte.

Si tratta di un uomo di 79 anni e questo è solo l’ultimo dei drammi della solitudine, ovvero persone anziane, spesso malate, che vengono abbandonate in casa e addirittura nessuno si accorge della loro morte.

La telefonata del vicinato è arrivata nel tardo pomeriggio di ieri e subito il commissariato di Ponte Milvio, il più vicino al luogo, è intervenuto e ha mandato i propri agenti.

I pompieri hanno aiutato le forze dell’ordine a entrare all’interno dell’appartamento e la scena che si sono ritrovati davanti era davvero terribile, il cadavere dell’uomo infatti era in stato avanzato di decomposizione ed emanava un odore acre, complici anche le caldissime temperature di questi giorni.

Vigili del fuoco
Vigili del fuoco – LettoQuotidiano.it

Non è l’unico caso di morte in solitudine, infatti pochi giorni fa una donna a Vigne Nuove è stata ritrovata morta in casa dopo una settimana.

Sempre a fine luglio, un anziano con problemi deambulatori è morto di stenti e il suo corpo giaceva nelle campagne di Tivoli già da 2 giorni.